Email in HTML, spamming

Alfredo E. Cotroneo alfredo a NEXUS.ORG
Mer 11 Apr 2001 11:36:15 CEST


Carissimi,

Vi chiedo lumi, consiglio e sostegno su un tema a lungo dibattuto. Vi
confesso che dopo aver visto quello che ho visto ieri in presenza di
giovani "esperti" in Internet marketing e mailing list (per altro anche
maintainers) ed in presenza di un eccitatissimo potenziale utilizzatore, mi
sono abbattuto a tal punto che non so piu' come spiegare che cio' che ho
visto e' ... "peccato"!.Ovviamanete mi sono trovato in schiacciante
minoranza a promuovere l'etica anti-spamming e "conservatrice" di chi
spedisce mail in formato testo e di piccole dimensioni.

Orbene, ieri ho assistito alla dimostrazione di un pacchetto sviluppato da
una piccola azienda italiana che appunto confeziona e spedisce tonnellate
di mail in formato HTML a ... potenziali clienti, , fatturando un tanto al
Mbyte, offrendo in cambio tutti gli strumenti di statistica che derivano
dall'invio di pagine Web conteneti link ad un server esterno che effettua
la profilazione e raccoglie i dati statistici degli utenti. Tralascio i
particolari tecnici che potete ben immmaginare :-(

In brevi termini la questione:

I tempi stanno evidentemente cambiando. Vi accorgete quanta mail in HTML
ricevete, come i noti M$mailer inviino di default mail in formato HTML e
come arrivino sempre piu' di frequente messaggi che sono di fatto delle
vere e proprie pagine Web in HTML. Lasciamo perdere il fatto che "embedded"
in tali messaggi vi sono link, che un volta attivati scatenano spesso un
insieme perverso di profilazioni dell'utente atte a scoprire se l'utente ha
veramente ricevuto la mail e ben altro di cui potete certo immaginare su
uno o piu' server remoti.

Allora, e' "peccato" o non e' piu' "peccato" spedire mail in HTML secondo
la netiquette ? e qual e' il limite massimo di un messaggio email, compresi
gli attachment ? E' ovvio che la mail in formato testo e' almeno da
prediligere, perche' vi era sino a tempo fa l'assunto che NON tutti
avessero un browser grafico e/o un program di mail che possa "rendere" le
pagine in HTML. Ma mi rendo conto che i tempi sono cambiati da quando
anch'io nel 1992-93 usavo elm e vi per spedire le mail.

Scusate, come "mission" noi cerchiamo anche di insegnare nelle scuole ai ns
utenti e fare "cultura", spiegando e dando ragioni su cio' che sarebbe
meglio fare, ma e' ovvio che quanto andiamo predicando anche qui su ITA-PE
e' ormai diventato contro-tendenza. Ovvio che discutendo se le mail debbano
essere in HTML o possano essere piu' o meno lunghe 5 Mbyte andiamo a
disquisire ormai di "politica" e non di questioni tecniche, perche' i
pareri sono ormai piu' disparati. C'e chi e' conservatore e predica le
vecchie dottrine del mondo UNIX, e che chi e' progressista e segue l'ondata
M$, Netscape e Window$ che tende a inviare mail con ogni sorta di contenuto
"embedded" e stra-fregandosene se in allegato trasmette o meno file di
dimensioni apocalittiche.

Mi interessa un vs parere e uno scambio di opinioni, ad esempio qual e' il
limite masimo in kilobyte delle e-mail oltre il quale e' sensato rifiutarle
lato-server ? E' poi legale fare cio' se non vi e' nessun riferimento
preciso in proposito nel contratto di servizio e nemmeno nella netiquette?

Saluti.

Alfredo


P.S. Tempo fa un nostro associato si lamentava di non poter scaricare
l'email con il suo modem 14.4, e imputava cio' ad un guasto ad un ns
server. Controllando e facendo domande per risolvere il problema, scoprimmo
che si era fatto spedire due copie di Nescape 3.X via e-mail, ciascuna
copia cubava circa 10-15 Mbyte. La seconda copia gli era stata inviata
dall'amico negli States, perche' non riusciva a scaricare la prima ;-)
--
Alfredo E. Cotroneo                  PO Box 11028, 20110, Milano, Italy
Phone: +39-335-214-614 (try first) / +39-02-266-6971
email: alfredo a nexus.org                          fax: +39-02-706-38151



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe