da ISOC.IT: In difesa della libertà di Internet. Comunicata Stampa. Si prega di diffondere. Grazie.

chiari mario chiari.hm a FLASHNET.IT
Ven 13 Apr 2001 16:43:02 CEST


***********Società Internet, sezione italiana di Internet Society***********

http://www.isoc.org
http://www.isoc.it

*************************Comunicato Stampa*************************

***********************Si prega la massima diffusione***********************


*** ***In pericolo in Italia la libertà della comunicazione in rete?*** ***


Società Internet, sezione italiana della Internet Society, condivide e si
associa all'allarme espresso da più e diversi soggetti della comunità
Internet italiana su gli ostacoli alla libertà di comunicazione e di
manifestazione del pensiero che una normativa recentemente entrata in
vigore, la legge 7 Marzo 2001, n. 62, potrebbe creare.

La 62/01, il cui testo non è purtroppo di facile o univoca interpretazione,
sembra infatti assimilare la messa on line di documenti digitalizzati alla
stampa e diffusione di periodici, e sembra quindi sottoporre la
comunicazione via Internet, almeno per quanto concerne la gestione dei
cosidetti siti web, alla normativa italiana sulla stampa periodica, per
esempio richiedendo che ogni sito web identificabile con una propria
testata, contenente informazioni e aggiornato periodicamente sia registrato
in tribunale e diretto da  un giornalista membro dell'ordine dei
giornalisti. (Vedi in coda la breve nota sulla 62/01.)

Tali norme - da una parte - penalizzerebbero le diverse figure
professionali che hanno contribuito alla crescita di Internet nel nostro
paese e - dall'altra parte - ostacolerebbero l'uso della rete come
straordinario e benvenuto veicolo di libera comunicazione interpersonale.

Società Internet è consapevole che la crescente diffusione nel nostro paese
della comunicazione in rete apre una varietà di questioni, per esempio di
carattere sindacale, su cui è lecito e opportuno anche l'intervento
legislativo, ma deve notare che fino ad oggi il legislatore è intervenuto
in modo episodico e contradditorio, senza vera disponibilità a comprendere
le caratteristiche e le potenzialità proprie di Internet.

Società Internet auspica pertanto una modifica della normativa della legge
7 Marzo 2001, n. 62 e, in occasione delle prossime elezioni politiche,
invita tutti i candidati a dichiarare il loro impegno in tal senso e ad
agevolare la diffusione in Italia e nel mondo di un grande strumento di
libertà e di crescita civile e sociale.

Milano 12 Aprile 2001

per informazioni:
Mario Chiari
Direttore Esecutivo
Società Internet, sezione italiana della Internet Society
e-mail: info a isoc.it
tel: 0521-983013

1. Breve nota sulla 62/2001
2. Società Internet. Chi siamo.

***Breve nota sulla 62/2001.***  L'art. 1 della 62/2001, comma 1, estende
la definizione di "prodotto editoriale" a "il prodotto realizzato [...] su
supporto informatico, destinato alla pubblicazione o, comunque, alla
diffusione di informazioni presso il pubblico con ogni mezzo, anche
elettronico, [...]".

Il successivo comma 3 dello stesso articolo precisa che a tutti i 'prodotti
editoriali' si applica l'art. 2 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, secondo
il quale ogni stampato "deve indicare il luogo e l'anno della
pubblicazione, nonché il nome e il domicilio dello stampatore e, se esiste,
dell'editore. I giornali, le pubblicazioni delle agenzie d'informazioni e i
periodici di qualsiasi altro genere devono recare la indicazione: del luogo
e della data della pubblicazione; del nome e del domicilio dello
stampatore; del nome del proprietario e del direttore o vice direttore
responsabile. All'identità delle indicazioni, obbligatorie e non
obbligatorie, che contrassegnano gli stampati, deve corrispondere identità
di contenuto in tutti gli esemplari."

Secondo la Legge 3 Febbraio 1963, n. 69, "il direttore ed il vicedirettore
responsabile di un giornale quotidiano o di un periodico o agenzia di
stampa [...] devono essere iscritti nell'elenco dei giornalisti
professionisti".

Inoltre l'ultima clausola del citato comma 3 richiede che "il prodotto
editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto
da una testata, costituente elemento identificativo del prodotto, [sia]
sottoposto, altresì, agli obblighi previsti dall'articolo 5 della medesima
legge n. 47 del 1948", ovvero all'obbligo di registrazione presso la
cancelleria di un tribunale. Secondo l'art. 16 legge 8 febbraio 1948, n. 47
"chiunque intraprenda la pubblicazione di un giornale o altro periodico
senza che sia stata eseguita la registrazione prescritta dall'art. 5, è
punito con la reclusione fino a due anni o con la multa fino a lire
500.000. [...]"

Le difficoltà di intepretazione nascono dalla difficoltà di estendere le
norme della della legge 8 febbraio 1948, n. 47, chiaramente pensata per
prodotti cartacei, alle caratteristiche proprie della comunicazione via
Internet, per esempio non essendo chiaro in che senso si debbano adattare
al caso di un sito web le nozioni di 'esemplare di uno stampato' e di
'diffusione al pubblico'.

Altre difficoltà interpretative sorgono dalla lettura dell'art. 16, che in
parte potrebbe limitare gli effetti del sopra citato art. 1, comma 3, e
dalla difficoltà di comprendere i rispettivi ambiti e funzioni del Registro
della stampa istituito presso ogni tribunale, di cui alla legge 8 febbraio
1948, n. 47, e il non ancora attivo Registro degli operatori di
comunicazione (ROC) presso l'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni,
nel quale confluirà il Registro nazionale della stampa istituito dalla
legge 416/81.

Legge 7 Marzo 2001, n. 62: testo e commenti a http://www.interlex.it.


***Società Internet. Chi siamo.*** Internet SOCiety (ISOC) è una
associazione internazionale, not-for-profit, dedita a favorire lo sviluppo
libero, equo, universale e stabile di Internet e a promuoverne gli usi
benefici per l'intera umanità.

Fondata nel 1992 da Vinton Cerf, Robert Kahn, Jon Postel e altri pionieri
di Internet, ISOC nasce primariamente per costituire una cornice legale e
finanziaria alle attività della  Internet Engineering Task Force (IETF), il
network di gruppi di lavoro a costituzione informale e processo decisionale
consensuale che progettano, elaborano e propongono gli standard e
protocolli Internet.

Oggi Internet Society svolge una più ampia attività a sostegno dello
sviluppo e della diffusione di Internet e di realizzazione delle sue
potenzialità.

Società Internet, sezione italiana della Internet Society, è stata
riconosciuta quale sezione ISOC per l'Italia nel Giugno 1999, e si è
costituita in associazione senza fini di lucro nel Marzo 2000.

http://www.isoc.org   http://www.isoc.it



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe