UN CASO INTERESSANTE... CORSERA.IT

Riccardo Roversi rroversi a SLA.IT
Mer 18 Apr 2001 15:27:06 CEST


Mi par di capire che l'unica accusa che il gruppo e-solv, CRDD, Studio
Veglianti (sembra che si tratti di "soggetti che operano di concerto tra
loro"....) consista nella circostanza che ho criticato l'operato di un
saggio iscritto nella lista dei saggi di Arbitronline.

E' vero, ho criticato l'operato di un saggio iscritto nella lista dei saggi
di Arbitronline.

A voler essere rigorosi, allora, l'accusa nei confronti di Arbitronline
dovrebbe riferirsi piuttosto alla circostanza che non abbiamo ancora rimosso
l'Avv. Buonpensiere dalla lista.

Nessuno, dico nessuno, ha ancora replicato sul merito delle mie critiche.

L'unico ad averlo fatto è Enzo Fogliani, il quale - però - sostiene (un po'
apoditticamente, come dicono gli avvocati) che la decisione è giusta perchè
la motivazione è ben strutturata...

Enzo evidenzia che il ricorso è stato respinto per mancata prova della
malafede.  Ma, suvvia, risulta dalla stessa decisione che il resistente
utilizza il dominio corsera.it per un sito giornalistico (una sorta di
quotidiano online).  Ciò dimostra che il resistente è in malafede, proprio
perchè sta utilizzando l'avviamento di Corriere della Sera per attrarre
utenti al proprio sito (nel quale, magari, vende la pubblicità).  La mia
argomentazione, che si basa su una intepretazione de plano delle regole di
naming, mi pare quella corretta (ma attendo confutazioni) e l'argomentazione
del saggio è, quindi, sbagliata.

Molto semplice.

Buona discussione

Riccardo Roversi






----- Original Message -----
From: "Marcello Piacentini" <mp a crdd.it>
To: "Riccardo Roversi" <rroversi a SLA.IT>
Cc: <ITA-PE a NIC.IT>
Sent: Wednesday, April 18, 2001 1:19 PM
Subject: Re: UN CASO INTERESSANTE... CORSERA.IT


> > Riccardo Roversi ha scritto:
> >
> > Io difendo le procedure di riassegnazione e ne sono un promotore
> > assiduo, ma devo ammettere che se poi si scrivono decisioni come
> > quella di cui sopra, allora la credibilità se ne va a farsi....
>
> Quello che lascia perplesso è una cosi' dura critica da parte di chi ha
> rappresentato Arbitronline ad saggio iscritto nella propria lista. Cio'
> non induce a rassicuranti pensieri circa la effettiva indipendenza dei
> saggi di tale ente...
>
> Saluti,
>
> Marcello Piacentini
>



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe