Ri:Re: Proposta formale di modifica dell'art. 16.6.1

Alfredo E. Cotroneo alfredo a NEXUS.ORG
Gio 19 Apr 2001 16:51:06 CEST


Si' concordo con quanto dice Franco. Ad esempio parrebbe che tra la FIAT
(Automobili) e la FIAT (fabbrica di gustosissimi cioccolatini) chi ha
diritto al nome fiat.it sarebbe solo chi ha registrato il marchio, mentre
non essendo le due aziende in competizione dovrebbe avrebbe diritto al
dominio il primo arrivato. Oppure anche il sig. Alberto Fiat di Milano
potrebbe aver diritto al dominio.

Con quella regola ha diritto automatico al dominio solo chi ha registrato
il marchio, che non e' giusto a mio avviso.

Oppure ho capito male ?

Saluti.

At 16:17 18/04/01 +0200, Franco, Bressan wrote:
>At 14.17 19/04/01 +0200, you wrote:
>scusate se forse rispondo fuori luogo, rispondo a questo messaggio
>non avendo letto tutti i precedenti messaggi
>vorrei fare un'osservazione :
>concordo con il  "non utilizzare  un nome corrispondente a quello di
>un'altra persona"
>
>NON concordo invece con il "non utilizzare  un marchio registrato"
>perche' ho gia' avuto modo di constatare che piu' aziende si chiamano
>con lo stesso nome e solo una ha anche il nome registrato come marchio
>mi sembra una sciocchezza riservare il dominio a chi ha il marchio
>( anche perche' un marchio e' fatto da un'insieme di cose )
>
>inoltre non c'e' un legame stretto fra marchi-domini
>
>inoltre non e' facile sapere se un marchio e' registrato
>
>se si mettono questi vincoli piu' che internet per tutti diventa internet
>riservata a chi ha piu' soldi
>f.b.
>
>
>
>>Per non inviare troppe mail sullo stesso argomento aggiungo anche due
>>osservazioni relative alla risposta di Caterina sempre sullo stesso
>>tema:
>>
>>         il suggerimento di Caterina di non utilizzare "un nome
>>         corrispondente a quello di un'altra persona o a un marchio
>>         registrato" credo valga sempre e non solo nei casi citati
>>         da Marco, Enrico e Alfredo.



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe