Formalismo e rispetto delle regole

Ignazio Guerrieri guelex a TIN.IT
Gio 19 Apr 2001 17:24:33 CEST


Enzo Fogliani ha scritto:

>> Mi sembra di ricordare che l'art. 16 dello statuto preveda che le
proposte
>> formali di modifica debbano essere presentate al CE tramite posta
>> elettronica, per poi essere pubblicate sulla lista ita-pe a cura del
>> direttore; il termine per la decisione sulla proposta decorre dalla data
>> della pubblicazione.
>
>Non capisco il senso di questa mail, visto che i membri del CE, in
>quanto tali, non hanno certo bisogno di passare attraverso l'art. 16
>dello statuto; tanto che di solito le proposte le presentano
>direttamente al CE.
>
appunto, le presentano direttamente (o dovrebbero farlo) al CE per
sollecitarne la discussione interna e verificare - PRIMA di affrontare il
dibattito sulla lista ita-pe - se e' possibile pervenire ad una proposta
unitaria da parte del CE. Inoltre, anche i componenti del CE sono membri
della NA come tutti gli altri, e quindi hanno uno statuto da rispettare.
invece tu ha fatto la tua proposta direttamente in lista NA, caso strano
un'ora DOPO che io avevo postato la mia sulla lista exec, e francamente non
l'ho trovato il massimo della correttezza.

>In ogni caso, fino ad oggi le proposte al CE sono state di solito
>postate direttamente in lista ITA-PE e considerate sempre regolari; e
>rilevo come questo nuovo, improvviso sussulto di formalismo, che vedo
>peraltro solo strumentale, non si sia mai manifestato in tutti i
>precedenti casi in cui chi doveva - ma non io n alcun altro membro del
>CE - passare attraverso la proposta formale dell'art. 16 dello statuto
>aveva postato direttamente in lista le sue proposte.
>
Si, c'e' anche un facoltoso uomo politico dall'imminente futuro luminoso, il
quale suole identificare il rispetto di alcune leggi con un sussulto di
formalismo. E' tipico di certe persone: una norma non ti piace? Chi ti
chiede di rispettarla e' un bieco formalista che vuole solo
strumentalizzare. No comment.
Caro Enzo, non e' questione di forma, ma di sostanza il permettere al CE di
fare un dibattito sereno e costruttivo; lo statuto c'e' e va rispettato.
Soprattutto, permettimi di dire che la curiosa circostanza che c'era appena
stata una mia proposta (discutibile finche' vuoi) postata in lista exec
pochi minuti prima, ti dovrebbe indurre ad un esame di coscienza sulla TUA
volonta' di strumentalizzare la lista ita-pe per i tuoi obbiettivi.

>O dobbiamo considerare questa come una nuova proposta formale di
>ingessare il CE e pretendere che ogni proposta dei suoi membri debba
>passare attraverso l'art. 16? Se  cos, diciamolo chiaramente; ma non 
>quello quello che dice lo statuto, n quello che si  fatto negli ultimi
>anni.
>
La mia una nuova proposta?? Ma te lo sei riletto l'art. 16 dello statuto
cosa dice?
Ingessare il CE? Ma lo statuto, e quindi anche il famigerato art. 16, non
porta tra le prime la tua firma, grossa come una casa?
Il CE lo ingessi se lo sommergi di proposte inviate direttamente in lista,
in tal modo impedendo al direttore di organizzare i tempi di lavoro
attraverso lo scaglionamento della pubblicazione delle proposte, COME
APPUNTO LO STATUTO PREVEDE!!!
E poi, ripeto, la mia polemica NON e' dovuta al fatto che hai postato la tua
proposta direttamente in lista ita-pe, ma che l'hai fatto venti minuti dopo
che io ne avevo fatta un'altra, sulla stessa questione, da discutere in
ambito CE.
Non far finta di non capire, e non cercare facili quanto demagogici
consensi.

>> Mi torna dunque un po' strano questo modo di presentare la proposta
>> direttamente in lista,
>
>E' quello che si  sempre fatto in passato. La lista  proprio fatta per
>discutere le proposte.
>
OOOOHHHHHHHHHH!!!! (Espressione di sorpresa e stupore).
Davvero?
E il CE per che cosa e' fatto?
Soltanto per raccogliere le direttive impartite dall'assemblea, o per
presentare delle proprie proposte dopo averne debitamente ragionato e
discusso?

>> a meno che non si voglia pensare che si cerchi con
>> questo di forzare la mano al direttore sui tempi di pubblicazione,
>> bruciando sul tempo concorrenti proposte formali precedentemente (e
>> regolarmente) postate al CE, come quella che io stesso avevo fatto e che
>> allego per conoscenza.
>
>A me lascia invece perplesso il solo invio delle proposte alla lista CE;
>cosa del tutto regolare, ma che non  certo indice di trasparenza, in
>quanto con questo sistema - intendiamoci, del tutto lecito, legittimo e
>normale - la lista ha molto meno tempo per discutere della questione.
>
Questo e' un incredibile e mistificatorio modo d'impostare la questione,
soprattutto considerando che proviene da chi si e' sempre vantato di essere
tra i maggiori artefici dello statuto, il cui contenuto ti sei evidentemente
dimenticato. Che piffero c'entra la trasparenza, chi ha mai detto di voler
fare le cose di nascosto? Te lo dico io, la tua affermazione e' soltanto una
captatio benevolentiae nei confronti dell'assemblea.
Spero che chi voleva capire il vero motivo della mia protesta lo abbia
capito, per gli altri posso pure restare un bieco strumentalizzatore
formalista.
Saluti
Ignazio Guerrieri
----------------------------------------------------------
Avv. Ignazio Guerrieri
Via G. Nicotera, 29
00195 - ROMA
E-Mail: guelex a tin.it
Tel.: +39-06-3217708;  Fax: +39-06-3223335



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe