Formalismo e rispetto delle regole

Enzo Fogliani fog a FOG.IT
Gio 19 Apr 2001 19:03:43 CEST


Ignazio Guerrieri ha scritto:
>
> appunto, le presentano direttamente (o dovrebbero farlo) al CE per
> sollecitarne la discussione interna e verificare - PRIMA di affrontare il
> dibattito sulla lista ita-pe - se e' possibile pervenire ad una proposta
> unitaria da parte del CE.

E' una tua opinione, che se seguita raddoppia i tempi - gia' lenti - del
CE. Infatti si passerebbe attraverso i seguenti stadi: il CE fa la
proposta unitaria (ma perche' deve fare una proposta unitaria?) - la
manda in lista - la lista la discute - i CE successivo l'approva.
Fin'ora si e' seguito un iter piu' breve: proposta in lista -
discussione - eventuale approvazione. Uno step e una riunione del Ce di
meno.

> Inoltre, anche i componenti del CE sono membri
> della NA come tutti gli altri, e quindi hanno uno statuto da rispettare.

Su come  stato interpretato lo statuto fino adesso ho gia' risposto. E
basta verificare sui verbali che ai membri del CE non  stata mai
richiesta una "proposta formale" (la prima  stata registrata oltre un
anno dopo l'approvazione dello statuto! e il CE precedente ha redatto le
regole oggi in vigore, senza alcuna proposta formale).

> invece tu ha fatto la tua proposta direttamente in lista NA, caso strano
> un'ora DOPO che io avevo postato la mia sulla lista exec, e francamente non
> l'ho trovato il massimo della correttezza.

Ma qualcuno ti impedisce di postare la tua in lista? o hai il monopolio
delle modifiche dell'art. 16.6.1? Siamo in democrazia. Posta la tua
proposta su ITA-PE e vediamo cosa ne dice la lista. Che problema c'e'
nel discuterla in pubblico?

> Si, c'e' anche un facoltoso uomo politico dall'imminente futuro luminoso, il
> quale suole identificare il rispetto di alcune leggi con un sussulto di
> formalismo. E' tipico di certe persone: una norma non ti piace? Chi ti
> chiede di rispettarla e' un bieco formalista che vuole solo
> strumentalizzare. No comment.

Lo vedo diversamente. Arrivi tu dopo 3 anni e decidi che la mia proposta
non va indirizzata in lista. Guarda caso, tale rilievo non e' stato
espresso per le precedenti proposte di altri, che le hanno fatte
direttamente sulla lista (vedi le due proposte Piarulli del 2/4, postate
solo su ITA-PE come si  sempre fatto, su cui non hai espresso alcun
rilievo...).

> Caro Enzo, non e' questione di forma, ma di sostanza il permettere al CE di
> fare un dibattito sereno e costruttivo; lo statuto c'e' e va rispettato.
> Soprattutto, permettimi di dire che la curiosa circostanza che c'era appena
> stata una mia proposta (discutibile finche' vuoi) postata in lista exec
> pochi minuti prima, ti dovrebbe indurre ad un esame di coscienza sulla TUA
> volonta' di strumentalizzare la lista ita-pe per i tuoi obbiettivi.
>
> >O dobbiamo considerare questa come una nuova proposta formale di
> >ingessare il CE e pretendere che ogni proposta dei suoi membri debba
> >passare attraverso l'art. 16? Se  cos, diciamolo chiaramente; ma non 
> >quello quello che dice lo statuto, n quello che si  fatto negli ultimi
> >anni.
> >
> La mia una nuova proposta?? Ma te lo sei riletto l'art. 16 dello statuto
> cosa dice?
> Ingessare il CE? Ma lo statuto, e quindi anche il famigerato art. 16, non
> porta tra le prime la tua firma, grossa come una casa?
> Il CE lo ingessi se lo sommergi di proposte inviate direttamente in lista,
> in tal modo impedendo al direttore di organizzare i tempi di lavoro
> attraverso lo scaglionamento della pubblicazione delle proposte, COME
> APPUNTO LO STATUTO PREVEDE!!!

Ripeto, la tua  una nuova interpretazione che non ha riscontro nella
prassi segutia nei precedenti CE e - mi sembra - non abbia nessun
riscontro neppure nello statuto.

A proposito, ti sei accorto che se si applicasse ai membri del CE l'art.
16 neppure la tua proposta potrebbe essere discussa e messa all'ordine
del giorno (come correttamente ha fatto il direttore)? Non ci sono i 10
giorni fra la proposta e la riunione...

> E poi, ripeto, la mia polemica NON e' dovuta al fatto che hai postato la tua
> proposta direttamente in lista ita-pe, ma che l'hai fatto venti minuti dopo
> che io ne avevo fatta un'altra, sulla stessa questione, da discutere in
> ambito CE.

Mettila in lista anche tu, la tua. O hai paura che se ne discuta?

> >> Mi torna dunque un po' strano questo modo di presentare la proposta
> >> direttamente in lista,
> >
> >E' quello che si  sempre fatto in passato. La lista  proprio fatta per
> >discutere le proposte.
> >
> OOOOHHHHHHHHHH!!!! (Espressione di sorpresa e stupore).
> Davvero?
> E il CE per che cosa e' fatto?
> Soltanto per raccogliere le direttive impartite dall'assemblea, o per
> presentare delle proprie proposte dopo averne debitamente ragionato e
> discusso?

Io non penso che gli eletti nel CE siano saggi migliori degli altri che
debbano fare le loro proposte illuminate all'assemblea. Sono solo uno
strumento per prendere decisioni piu' rapide di quelle che prenda
l'assemblea.
Io ho un mandato dal chi mi ha votato in assemblea e cerco di avere il
piu' possibile pareri su quello che bisogna fare. E il posto migliore
per farlo democraticamente e' la lista.

Non credo nelle proposte pensate e discusse in segreto nella lista CE e
spedite a ITA-PE come qualcosa da accettare in blocco, o respingere con
il veto. Anzi, ho sempre sostenuto che la lista CE dovrebbe essere
pubblica, proprio per evitare situazioni come questa.

> Questo e' un incredibile e mistificatorio modo d'impostare la questione,
> soprattutto considerando che proviene da chi si e' sempre vantato di essere
> tra i maggiori artefici dello statuto, il cui contenuto ti sei evidentemente
> dimenticato. Che piffero c'entra la trasparenza, chi ha mai detto di voler
> fare le cose di nascosto? Te lo dico io, la tua affermazione e' soltanto una
> captatio benevolentiae nei confronti dell'assemblea.

Ma allora, se la tua proposta e' migliore della mia, mettila in lista.
che problema c'e? Lascia che la lista le legga entrambe e giudichi. Ma
fin'ora la lista l'ha letta solo perche' e' stata messa nell'ordine del
giorno.

Ciao a tutti!

    Enzo Fogliani.


-------------------------->>>  <<<--------------------------
Avv. Enzo Fogliani, via Prisciano 42, 00136 Roma
Tel.:  +39-06-35346935; Fax:  +39-06-35453501
http://www.fog.it/enzo - E-Mail: fog a fog.it



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe