Proposta formale di modifica dell'art. 16.6.1

Franco, Bressan franco.bressan a NLINE.IT
Ven 20 Apr 2001 10:49:03 CEST


At 02.21 20/04/01 +0200, you wrote:
a mio avviso chi prima arriva ha diritto al nome a dominio

puo' essere introdotta la sola eccezione di "non utilizzare  un nome
corrispondente a quello di un'altra persona" infatti in questo caso  il
controllo e' immediato e non servono avvocati e regole particolari per
decidere se assegnare o meno il dominio ( naturalmente anche qui chi prima
arriva
ha diritto al nome a dominio )

nessuna regola di precedenza o riassegnazione per chi detiene il marchio

le proposte che ho visto relative alla modifica dell'articolo 16.6 sono
illiberali e favoriscono
chi ha piu' soldi
se proprio ci dovesse essere un orientamento dovrebbe essere verso la
protezione
delle realta' piu' piccole
e' sufficiente ragionare su qualche caso concreto per concludere che le
proposte relative
alla modifica dell'articolo 16.6 non sono applicabili se non creando
disparita' di trattamento
fra le parti

La NA e' un ente di registrazione e per quanto riguarda contestazioni sulle
assegnazioni
dei nomi a domini e' piu' corretto lasciarlo alle parti in causa attraverso
le normali
procedure della giustizia
Se qualcosa deve fare e' piu' logico protegga chi ha registrato i nomi a
dominio
visto che sono stati registrati secondo le regole vigenti e non apportando
modifiche
alle regole e creando il presupposto per una serie di contestazioni sui
nomi a dominio registrati

Sorge spontaneo il dubbio che ci siano avvocati interessati
rimane il fatto che e' un ente di registrazione e tale deve rimanere
f.b.



>>Altro sarebbe se tu vendessi patate e gli altri microchip. In quel caso
>>dovrebbe valere la legge del primo arrivato.
>
>preciso: io vendo patate con una azienda che si chiama patate srl e ho un
>dominio patate.it, lui ha registrato un marchio prima di me perche' "PENSA"
>di vender patate nella categoria patate con una azienda che oggi vende
>spelapatate (senza offesa) e mi contesta il dominio patata.it che ho
>registrato per non incorrere in confusione con il mio patate.it
>tu sostiene che siccome lui forse operera' nel mio settore e io ci opero
>gia' ne ha maggior diritto
>
>scusa non capisco in NA le regole sono:
>
>chi prima arriva ?
>chi opera nello stesso settore ?
>chi ha il marchio registrato o "un marchio" ?
>
>inoltre se disassegni vshop.it dandolo al ricorrente come ti comporti con
>la successiva nostra probabile richiesta di contestazione per
>riassegnazione a noi di vshop.it per presunta confusione che genera
>nell'utenza con il nostro wshop.it aggravata della mala fede visto che noi
>gia' operavano prima e loro no....?
>
>inoltre caso + grave derivante da cio' che indichi  a supporto della
>formulazione dell'articolo 16 che se cosi non fosse genererebbe :
>
>dal giorno dopo che e' coretta la tua affermazione registro tutti i marchi
>dei domini che mi interessano, come azienda xxx che produce palline lunari,
>pardon che produce o vende una cosa a caso, ma per ogni regitrazione
>marchio lo fa nella stessa categoria merceologica del dominio da
>contestare. Ho cosi diritto ad avere l'assegnazione di fatto di jumpy.it
>anche se jumpy spa esiste da tempo e sta operando da tempo ma non ha
>registrato il marchio...o sta tendando di farlo il giorno dopo di me...
>
>polis e c. farebbe occasione di business per l'ente che registra i marchi e
>sicuramente non piu' per RA !!! avvertiamoli di procurarsi un po di linee
>fax per evitare i problemi del 15 dicembre che RA subi...mi correggo
>avvertiamo RA che ha trovato un modo per reincassare doppia rata visto che
>la modifica costa 9,5 mila + i 9.5 annui comunque versati dal registrante
>che perde il dominio...
>
>ti rendi conto che diverrebbe obbligatoria per tutti i domini la
>registrazione del marchio preventiva o contemporanea..per eccesso la
>lettera AR dovrebbe contenere i dati della registrazione del marchio quale
>nome a dominio anziche' gli altri tipo p.iva ecc......e che devi attendere
>un anno per essere certo che a pisa (registro marchi non RA/NA) non
>l'avessero gia' registrato visto che hanno questi tempi...
>
>>Alfredo
>
>bye
>--
><mailto:raimondo a bruschi.com>Raimondo Bruschi
>Mobile +39 348.9111250
>Fax to E-mail +39 02.700430525
>Ufficio +39 030.2967.211
>Fax Ufficio +39 030.2967.888
>Fax Mobile +39 348.9111259
>ICQ UIN 17858453



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe