Proposta formale di modifica dell'art. 16.6.1

Enzo Fogliani fog a FOG.IT
Ven 20 Apr 2001 13:43:14 CEST


"Franco, Bressan" ha scritto:
>
> At 11.30 20/04/01 +0200, you wrote:
> caso limite ?
> ci sono certamente centinaia di domini gia' registrati e che con lo
> sviluppo seguente
> di internet ora questi domini possono interessare ad altri
> Una ditta che ha disponibilita' finanziaria puo' registrare una serie di
> marchi
> e poi richiedere gli venga assegnato il dominio corrispondente gia' registrato

Non era questo il caso sottoposto. Si parlava di una registrazione del
marchio fatta prima della registrazione del dominio, senza che chi ha
registrato il dominio ne fosse al corrente.

In questo caso, le MAP tutelano giÓ sufficientemente l'assegnatario, in
quanto si basano sulla buonafede. E' il giudice ordinario che invece
darebbe ragione a chi ha registrato per primo il marchio, in quanto, per
la legge, la buona fede e' in questo caso di secondaria importanza.

E noi come NA non possiamo fare nulla contro le leggi dello Stato.

> se si desidera una gestione democratica di internet
> l'ente di registrazione dovrebbe tutelare chi ha registrato il dominio per
> primo
> in quanto registrato secondo le regole in essere in quel momento,
> si dovrebbe scoraggiare ogni forma di azione retroattiva

E' un tipo di impostazione first came, first served allo stato puro, che
eliminerebbe a priori l'esigenza delle procedure di riassegnazione, ma
sarebbe anche il trionfo del Cybersquatting, che si fonda proprio su
tale principio.

Penso sia difficilmente adottabile

Saluti,

    Enzo Fogliani.


-------------------------->>>  <<<--------------------------
Avv. Enzo Fogliani, via Prisciano 42, 00136 Roma
Tel.:  +39-06-35346935; Fax:  +39-06-35453501
http://www.fog.it/enzo - E-Mail: fog a fog.it



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe