Riepilogo proposte formali -2-

Wincom ariosto a WINCOM.IT
Lun 23 Apr 2001 08:55:14 CEST


At 21.23 22/04/05 +0200, Bressan, Franco wrote:

>secondo me,  se su quattro ditte nessuna ha provveduto a registrarlo a
>tempo debito
>non si puo' pensare di riservare a una di loro il dominio e non permettere
>ad altri di registrarlo,
>altrimenti si ritorna al fatto che un dominio corrisponde a una ditta
>ma allora chi ha capitali fa molte ditte e registra molti domini,
>per gli altri e' preclusa questa possibilita'
>
>Bisognerebbe anche valutare il fatto se il dominio da registrare e' un
>nome generico
>mi risulta che nomi generici non possono essere registrati neanche come
>marchi,
>ancora piu' logico in questi casi quindi che il primo che arriva lo registri
>senza preoccuparsi di sapere se ci sia qualche azienda piu' o meno conosciuta
>che si chiama con quel nome
>f.b.

E' evidente che il primo che lo richiede registra il nome a dominio, e così
è stato: però se chi registra non ha una ditta, un marchio, un prodotto
o... un parente che si chiama così, in caso di attivazione di una PDR da
parte di una delle quattro ditte, dovrà dimostrare la sua buona fede nella
scelta di "quel" nome a dominio. Potendo facilmente verificare su
paginegialle.it, prima di registrarlo, se esistono già in Italia ditte con
quel nome, a mio avviso non potrà invocare l'ignoranza come scusante.


Cordiali saluti.
Gian Carlo Ariosto

  /*\  .. . . . . . . . . . . . .
  \ / . ASCII Ribbon Campaign .
   X .- NO HTML/RTF in e-mail .
  / \ .- NO Word docs in e-mail.
/   \ .. . . . . . . . . . . . .



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe