il monopolio di RA

Daniele Vannozzi Daniele.Vannozzi a IAT.CNR.IT
Lun 23 Apr 2001 16:01:25 CEST


Luca Venturini wrote:
>
> Scusa, tra le tante cose da fare non pensavo
> di dover illustrare cio' che mi pare evidente
> a chiunque sia costretto a lavorare con la RA
> tutti i giorni.
>
> A. Il Registry non deve essere unico. Specie se i
> livelli di servizio sono quelli della RA italiana.

Luca,
il registry deve essere unico per motivi tecnici e su questo direi
che non ci piove.
Sui livelli di servizio, oltre a delle affermazioni generiche,
quali sono i casi reali a cui ti riferisci?
Sono imputabili interamente alla RA o ad altri?
Spesso ci vengono attribuire colpe che in realta' nostre non sono
ma che visto che siamo noi a notificare l'errore o il problema e'
facile essere scambiati per i "cattivi" della situazione.

>
> B. Credevo fosse proprio la RA. Non mi pare che la
> NA abbia mai scelto i prezzi. In realta' la cosa importante
> e' il rapporto tra qualita' del servizio offerta e prezzo.

Durante i meeting di CENTR, di RIPE ed in altre occasioni abbiamo
spesso la possibilita' di fare confronti con  gli altri ccTLD europei
sui modi di operare, sulle procedure, ecc e riguardo al rapporto
prezzo/prestazioni direi che siamo in buona posizione nel panorama
europeo.
Ma qui in lista ci sono alcuni operatori che lavorano anche con altri
ccTLD e quindi possono confermare o smentire le mie affermazioni.
Cordiali saluti,


                Daniele Vannozzi

>
> Per rispondere anche a mau, la Yepa e' solo uno delle
> centinaia di soggetti che potrebbero fare il registry
> meglio dell'attuale RA. Se daremo la possibilita'
> di scegliere il registry preferito ci divertiremo tutti
> a vedere quanti andranno a registrare i domini dalla
> RA attuale.
>
> A presto.
>
> Control C wrote:
> >
> > Ho senz' altro compreso la tua TESI ma non riesco a trovare traccia di
> > ARGOMENTI:
> >
> > A. Sei d' accordo sul fatto che il Registro (Registro, NON Registrant!)
> > *deve* essere unico? SI/NO/PERCHE' ...
> >
> > B) Sei d' accordo sul fatto che NON e' RA a fissare i prezzi di mercato?
> > SI/NO PERCHE' ...
> >
> > C) Se la risposta anche ad uno solo dei questiti e' NO, quali sono a tuo
> > avviso gli argomenti a sostegno?
> >
> > D) Se la risposata ad entrambi i quesiti e' SI, quali sono a tuo avviso
> > le condizioni formali per definire MONOPOLISTA una entita'?
> >
> > Ciao e grazie,
> >
> > Giorgio Giunchi
> >
> > ..........
> > references
> > ..........
> >
> > Luca Venturini wrote:
> > >
> > > E' veramente comico sentir dire che la RA non sia
> > > monopolista.
> > >
> > > Non solo si tratta di monopolista, ma anche della
> > > peggior specie: quei monopoli pseudo statali
> > > gestiti con meccanismi burocratici che offrono
> > > livelli di servizio scandalosamente bassi.
> > > (e, per quel poco che offrono, anche costosi).
> > >
> > > Ing. Luca Venturini
> > > Yepa S.r.l.
> > >
> > > Control C wrote:
> > > >
> > > > All' argomaneto di .mau. aggiungo:
> > > >
> > > > 1. La RA  ha fissato  una  interazione di servizio per i Provider a
> > > > prezzo di costo.
> > > >
> > > > 2. La RA ha fissato una  interazione di servizio per gli utenti privati
> > > > a prezzi di convenzione, programmaticamente  sconvenienti rispetto a
> > > > quelli dei Provider.
> > > >
> > > > 3. Quindi la RA non gioca sul differenziale costi/prezzi (e con cio'
> > > > stesso consente discrezionali politiche di prezzo dei Provider).
> > > >
> > > > 4. Quindi la RA non *gioca sul mercato*
> > > >
> > > > 5  Quindi la RA non e' monopolista.
> > > >
> > > > 5. Se non della funzione di manutenzione del Pubblico Registro che, come
> > > > dice impeccabilmente .mau., ***deve*** essere unico.
> > > >
> > > > Giorgio Giunchi
> > > >
> > > > ..............
> > > > references
> > > > ..............
> > > >
> > > > Maurizio Codogno wrote:
> > > > >
> > > > > On Sat, 21 Apr 2001 22:38:49 +0200
> > > > > Riccardo Roversi <rroversi a sla.it> wrote:
> > > > >
> > > > > > Come tu sai, almeno credo, il monopolio non , di per s, vietato dalla
> > > > > > legge antitrust italiana, n da quella europea: ci che  vietato  abusare
> > > > > > della posizione di dominio di cui si gode su un determinato mercato.  Da
> > > > > > questo punto di vista RA deve stare molto attenta, nel senso che qualsiasi
> > > > > > scelta con contenuti (anche solo indirettamente economici) che RA compie
> > > > > > potrebbe essere valutata dall'antitrust come un possibile abuso di posizione
> > > > > > dominante.
> > > > > >
> > > > > > Se RA pensa di essere esente dalla possibile applicazione della legge
> > > > > > antitrust, si sbaglia di grosso.
> > > > >
> > > > > Il problema e` semplicemente dovuto al fatto che i maintainer continuano
> > > > > a non diventare (o a non voler diventare) registrar a tutti gli effetti.
> > > > >
> > > > > Il registro *deve* essere unico, e almeno formalmente opera in regime
> > > > > di copertura dei costi (e oggettivamente, 5 euro l'anno non sono poi
> > > > > tanti). Posso al limite immaginare che la funzione di registro sia data
> > > > > a qualcun altro nel caso la RA "si comporti male", ma non riesco a vedere
> > > > > come avere piu` RA...
> > > > >
> > > > > .mau.



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe