il monopolio di RA

Alessandro Nosenzo nosenzo a IDEA.IT
Lun 23 Apr 2001 18:27:13 CEST


La mia solidarieta' a Riccardo Roversi ed agli altri come al solito
ingiustamente tacciati di presunti attacchi personali con il solo fine
di buttare nel cesso le loro idee.
Complimenti davvero alla NA per il bel esempio di democrazia.
Va bene tutto ma un avvocato, sebbene con tutti i suoi limiti
(sapete bene che non li amo perbacco), sara' in grado meglio di un
tecnico o di un matematico di capire se un'azienda opera o meno
in regime di monopolio.
Inoltre non mi garba per nulla il solito atteggiamento poco urbano
usato dal Presidente, per difendere l'operato della RA i cui voti e'
chiaro hanno contribuito ad eleggerlo, ma non devono essere cosi'
evidente merce di scambio in lista.
Detto questo la discussione, anche se alcuni non se ne sono
affatto accorti, verteva su considerazioni piu' elevate che non la
semplice critica distruttiva dell'operato della RA, che se e' stata
tirata in ballo anche in modo polemico, non ad opera di chi a ha
proposto il dibattito.
Mentre credo che sia sterile polemica discutere se la RA lavora
bene o male o se spende bene o male i propri denari credo sia
altrettanto ridicolo, se non provocatoria l'affermazione di Claudio
Allocchio secondo la quale la RA avrebbe bilanci chiari e corretti
(mi ricordo l'assemblea annuale dei contributori dove non ci e' stato
fornito neppure una riga di bilancio, chissa' perche' mi sono sempre
chiesto) e dove le tavole venivano proiettate con caratteri illeggibili
ai piu' o durante le relazioni a 180.000 parole al secondo come
quella di Sepia addetto alle pubbliche relazioni. Se poi vogliamo
discutere sul fatto che la RA paghi di affitto annuale quanto io
pagherei per comprare un ufficio identico a Pisa allora scademmo
davvero in discorsi da osteria ma lascio che li resti solo il nostro
Presidente.
La discussione invece verteva sul fatto che la RA opera in regime di
monopolio o meno. L'argomento e' interessante anche se piu' volte
affrontato come giustamente segnato dall'attento Presidente invero
un po' troppo attento a spargere sabbia su certi aspetti chissa'
perche' fastidiosi.
Che il registro sia unico e' un ovvio problema tecnico, mentre che
tale registro sia della RA a vita e' un fatto discutibile, certo con la
riduzione dei prezzi la RA attuale si e' assicurata per anni tale
delega.
Per concludere infine, non mi sento di criticare la gestione tecnica
della RA che e' di livello accettabile ed a tratti buono, tuttavia dal
punto di vista politico (sara' pure una maling list tecnica ma si puo'
anche parlare di filosofia e politica) l'approccio della RA e' molto
simile alla "gentile concessione" cui ci avevano abituati i vecchi
Ministeri grazie al cielo oggi estinti.
Cio' che invece va respinto con ardore e' chi, come Claudio
Allocchio, desidera reprimere le opinioni altrui, specie quelle
scomode, dicendo che sono attacchi personali o fatti nella forma
sbagliata ecc. Questo modo di esprimersi dimostra la scarsa
disponibilita' al confronto ed al dibattito ed e' dannosa per chi la
attua perche' pone fine al suo processo di crescita e non e' di alcun
contributo alla crescita della lista.
Saluti.

Alessandro Nosenzo

On 23 Apr 2001, at 16:58, Riccardo Roversi wrote:

> Alcune domande
>
> Perchè la discussione è condotta in modo sbagliato ?
>
> A chi sarebbero rivolti gli attacchi personali ?
>
> e quali sarebbero questi attacchi ?
>
> Ma quale mai è la ragione che la induce a intervenire d'imperio nel
> bel mezzo di una discussione per interromperla ?



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe