Che Sia Chiaro Che Questo E' Uno Sfogo Irrazionale

Control C master a CHIARI.NET
Sab 4 Ago 2001 15:41:30 CEST


Premesso, ma sul serio, che ho un autentico rispetto personale per gli
uomini del CE - che stanno letteralmente facendo il lavoro piu' ingrato
del mondo: aggiustare la locomotiva in corsa...

... Dico subito che sicuramente non sono all' altezza dei tempi - e sono
sempre piu' sconcertato: mi aggrappo infatti della conclusiva e
reazionaria opinione che se un nome a dominio non e' nell' elenco dei
nomi riservati e' legittimamente ... del primo che se lo prende.

(Qui fra un po' se uno -poniamo un po' timido- si legge le Regole di
Naming o le fa leggere al suo consulente ... scappa subito a comprarsi
un ... .com !)

Sono sempre piu' sconcertato:

1. Dalla redazione di regole SEMANTICHE;
2. Dalla prevalente considerazione dell' eccezione rispetto alla regola,
della trasgressione rispetto alla norma, della macchina contenziosa
rispetto alla macchina di registrazione.

Sono sempre piu' sconcertato NON dall' ovvia SUBORDINAZIONE delle nostre
Regole alle legislazioni nazionali ma dalla progressiva ASSIMILAZIONE di
queste a quelle:

3. Per quel che mi riguarda lo Stato puo' anche sancire che NESSUNO MAI
possa dire o scrivere i 99 Nomi Segreti di Dio - ma da qui a sancirlo
NOI nelle Regole di Naming...

4. E per quel che me ne frega NESSUNO puo' sottoscrivere apocrifamente
un contratto col mio nome e cognome ma CHIUNQUE si puo' beccare
giorgiogiunchi.it e farci una mailing list eslusivamente dedicata alle
mie malefatte: libera resta la mia tutela sui CONTENUTI.

Il punto e' uno solo, e sempre quello: per me  i nomi a dominio  NON
devono diventare  estensioni di un titolo di proprieta' estraneo alla
rete. E comunque e senz' altro non per mano nostra.

Perche' qualunque regola scriviamo, le stringhe degli indirizzi di rete
sono e restano per natura intrinseca strumenti identificativi e
funzionali di comunicazione (fra di noi emittenti-riceventi sappiano che
a questa stringa corrisponde proprio questo connotato servizio di rete).

Giorgio Giunchi

P.S. L' unica cosa che mi darebbe da pensare e' se GianCarlo Ariosto
impiantasse:

e-mail.ufficiali.it

con alcuni milioni di indirizzi fra cui:

giorgio.giunchi a e-mail.ufficiali.it

per beccare all' amo e potersi leggere in santa pace le lettere di
qualche mia sciocchissima ex morosa ;-)@tsk#*gulp**slurp!**blob!!



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe