considerazioni e commenti su EC e discrezionalita'

Riccardo Roversi rroversi a SLA.IT
Gio 9 Ago 2001 14:39:24 CEST


Il Presidente tratta due temi ed io replico brevemente:

quanto al primo tema, potere della RA di sospendere una registrazione in via
cautelare, ribadisco le mie perplessità: si tratta di un potere che viene
attivato soltanto dalla stessa RA (che, quindi, potrebbe attivarsi in un
caso, ma non in altri, con evidente rischio di abusi), del quale non vengono
precisati i confini (il che vuol dire alto rischio di sconfinare nel campo
dell'arbitrio), che può apparentemente essere esercitato per un periodo di
tempo indeterminato.  L'elenco delle perplessità potrebbe proseguire,
perchè - in definitiva - si tratta di dare un "mandato in bianco a RA" che
la autorizza a fare ciò che vuole di una richiesta di registrazione.  Mi
pare un po' troppo e mi pare che NA (ed il suo CE) continui a commettere
l'errore di interpretare il proprio ruolo come subordinato a quello di RA.
Non è così e così non deve essere.  Mi farebbe piacere una replica dei
componenti del CE (magari non solo del Presidente) sull'argomento.

Quanto al secondo tema, limiti al numero degli enti conduttori, la scelta
del CE mi va benissimo: abbiamo da tempo oltrepassato il limite del
ridicolo, avendo ben più di una decina di enti conduttori, il 90% dei quali
non ha mai avuto un incarico, il 9,8% dei quali ha avuto uno o due
incarichi, uno dei quali ha avuto circa più di dieci incarichi e l'ultimo
dei quali (anche se parlare di "uno" è un eufemismo....) si prende tutto il
resto (una cinquantina di incarichi).  Non mi va affatto bene, invece, che
il Presidente parli di decisioni del CE che dovrebbero "adeguare domanda e
offerta e l'intero sistema degli EC".  Ma di cosa stiamo parlando ? di
intervenire d'autorità in un mercato (piccolo, ma pur sempre un mercato) che
sta nascendo.  Non scherziamo, per favore !!!  Il sistema degli EC può
essere modificato, al limite soppresso da NA, ma non esiste che NA ritenga
di avere il potere di determinare la domanda e l'offerta in quel mercato.

Grazie

Riccardo Roversi







----- Original Message -----
From: "Claudio Allocchio" <Claudio.Allocchio a garr.it>
To: "Naming Authority Italiana" <ITA-PE a NA.nic.it>
Sent: Wednesday, August 08, 2001 11:17 AM
Subject: considerazioni e commenti su EC e discrezionalita'


> Come ho gia' sottolineato, la "discrezionalita'" di un controllo
> effettuato dalla RA esiste da sempre, e la RA ne ha sempre risposto in
> caso di abuso di potere (non e' l'espressione giusta... ma e' in linea
> con alcuni commenti che sembrano "temere" chissa' quale colpo di mano ed
> ingiustizia).
>
> Il mio ulteriore commento, che spero chiariasca deifnitivamente le idee a
> tutti, e' che senza discrezionalita' singifica anche operare senza buon
> senso, burocraticamente, senza intuito, e senza un minimo gi intelligenza
> e psicologia. Significa, in pratica, esporsi agli infinitamente maggiori
> guai che un "dumb operator" puo' incontrare di fronte a dei "clineti"
> tutt'altro che "dumb" e spesso volutamente in malafede. L'intelligenza
> degli operatori e' fondamentale per risolvere a priori certi problemi,
> che se affrontati in modo pedantemente automatico si creano
immediatamente.
> Chi agisce con intelligenza, si presume abbia preventivamente considerato
> anche il "rischio di errore" a cui va incontro, e le possibile
> conseguenza, che accetta di subire se sbaglia.
>
> Detto questo, mi sembra che, dal comportamento precedente (e sono parecchi
> anni di osservazione sperimentale), l'opzione introdotta sia perfettamente
> accettabile... anche perche' in realta' ogni volta che e' stato rilevato
> un problema in cui questa "sospensione all'attivazione" e' immaginabile,
> ancora prima della sospensione vengono normalmente contattati per
> consultazione il Presidente ed il CE.
>
> Per quel che riguarda le abilitazioni degli EC, ed il loro "contatto o
> meno" con il mercato, lo sapete benissimo meglio di me che la loro
> attivita' comunque dipende dal mercato stesso, ed infatti le
> considerazioni del CE sono in linea con questo. Il CE sta infatti
> pensando come adeguare domanda e offerta, e l'intero sistema degli EC,
> appunto dopo aver provato per 12 mesi sperimentalmente che cosa succede.
> E' il normale processo di "revisione" di un sistema e procedura dopo la
> "version 1.0".
>
> Spero di avervi ultriormente e definitivamente chiarito la cosa.
>
> Claudio Allocchio



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe