triste

Marco d'Itri md a LINUX.IT
Sab 11 Ago 2001 14:10:10 CEST


On Aug 11, Maurizio Codogno <puntomaupunto a tin.it> wrote:

 >>Ora e` il TTL negativo, e un giorno e` decisamente troppo.
 >
 >Mah, per uno che vende hosting sicuramente. Per altre aziende magari
 >no.
RFC 2308, 5:

      As with caching positive responses it is sensible for a resolver to
      limit for how long it will cache a negative response as the protocol
      supports caching for up to 68 years.  Such a limit should not be
      greater than that applied to positive answers and preferably be
      tunable.  Values of one to three hours have been found to work well
      and would make sensible a default.  Values exceeding one day have
      been found to be problematic.


 >Gia` che ci siamo, potremmo mettere l'obbligo di una riga
 >$TTL 86400
 >all'inizio dei file delle zone
 >(il TTL minimo adesso si indica cosi`)
Non ti seguo, che c'entra la RA? A parte il fatto che i poveretti che
usano djbdns o l'aborto distribuito con NT non usano il Master File
format (RFC 1035, 5), da remoto non c'e` modo di verificarlo e comunque
le versioni moderne di BIND[1] gia` lo fanno.


[1] cioe` quelle che chiunque deve usare se non vuole trovarsi ospiti
inattesi. Magari la RA potrebbe controllare la versione di BIND al
momento della delega e rifiutarla se insicura, pero` in questo caso
interbusiness avrebbe dei problemi. <g>

--
ciao,
Marco



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe