Dead NA walking

chiari mario chiari.hm a FLASHNET.IT
Gio 13 Dic 2001 11:31:39 CET


Hello,

l'ultima polemica non mi sembra sufficientemente fair.

Questi mi sembrano alcune considerazioni più equilibrate:

- l'ultimatum del 1 Gennaio 2001 posto dalla direzione dello IAT alla NA è
di fatto caduto. Claudio ha ripetuto che l'attività del CE, e quindi della
NA, proseguiranno, probabilmente (e auspicabilmente) con una convocazione
del CE in Gennaio. Questo implica che per ora, e oltre il 31 Dicembre, i
rapporti RA e NA proseguiranno secondo modalità e prassi usuali;

- la ricostruzione storica della gestione di .it proposta dalla direzione
dello IAT è stata riformulata in modo tale da rendere molto più aperta alla
discussione la loro iniziale affermazione della propria legittimità di
decidere 'da soli' la configurazione della gestione di .it. Il linguaggio
usato nella versione 2 della proposta IAT è in questo senso molto cambiato;

- un rappresentante del Governo ha partecipato alla riunione del CE,
apparentemente riconoscendo la legittimità della NA, e, per ora, il Governo
non sembra aver espresso opinioni similari a quelle di precedenti
rappresentanti governativi della NA come 'Assemblea Studentesca'

- credo che si possa convenire che il CE eletto non ha mostrato, nella
situazione creatasi, la necessaria chiarezza di intenti. Sarebbe stato
opportuno, e credo anche possibile, che il CE, o in assenza di consenso,
anche il solo direttore del CE, eventualmente consultando sistematicamente
la mailing list ita-pe, producesse un documento articolato  sulle
prospettive di sviluppo della NA e dei rapporti con lo IAT. Senza
personalizzare la critica, credo sia opportuno valutare meglio le
condizioni oggettive che rendono il CE non funzionante (insostenibilità del
volontarismo, regole che facilitano l'impasse, ....?)

- Molte questioni che sono di sfondo a quelle sui rapporti NA e RA - il
significato della 'delega' ICANN, la valutazione delle proposte ICANN su i
contratti per la gestione dei ccTLD, il significato giuridico delle MAP, il
ruolo legale della regole di naming, ecc. - presentano aspetti
oggettivamente da chiarire. Sarebbe utile avere un comitato di studio su
questi e relati problemi e dedicarci tutti più attenzione.

- le attività di registrazioni proseguono secondo routine sufficientemente
funzionanti, a merito sia della RA che delle regole di naming e di chi le
ha formulate. Il cybersquatting è sulla difensiva. Si è rallentata invece
la discussione su come attuare un successivo salto di qualità nella
gestione di .it (questioni registrars; questione abolizione LAR, firma
digitale, ulteriore automatizzazio registrazione; questione recupero quote
di mercato contro .com, questione anti spam; ecc.)

grazie, alla prossima, mario



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe