Proposta formale di modifica degli artt. 14.3, 14.4 e 14.5

Enzo Fogliani fog a FOG.IT
Mar 18 Dic 2001 14:02:55 CET


Griffini Giorgio ha scritto:
>
> Rispondo..
>
> Come assegnatario corrente certamente, ma permane il problema di una
> possibile contestazione multipla. Allo stato attuale, non essendovi copertura
> sull'argomento nelle regole, ipotizzo che la RA non accetti contestazioni per
> un nome a dominio gia'  'contestato' , se cosi' e' (non riesco ad immaginare
> ipotesi di comportamento diverse)  questo potrebbe impedire a chi ha una
> legittima aspettativa di contestare il nome.

No, un nome a dominio puo' essere contestato da piu' soggetti allo
stesso tempo. La contestazione e' un atto della parte, e la RA deve solo
tenerne nota, ma non puo' rifiutare una contestazione per il motivo che
ne esiste gia' un'altra precedente.

Tanto che l'art. 16.8 delle regole prevede che "Nel caso in cui vengano
introdotte pił procedure nei confronti di un singolo nome a dominio,
quelle introdotte successivamente alla prima sono sospese in attesa
dell'esito della prima fra esse iniziata. Qualora la prima procedura
iniziata si concluda con il trasferimento al ricorrente del nome a
dominio contestato, le altre procedure si estinguono."

Il che ovviamente presuppone che piu' soggetti possano allo stesso tempo
contestare il dominio.

Chi, fra piu' contestatori, ottiene per primo un provvedimento di
riassegnazione (da giudici, saggi o arbitro), ottiene il trasferimento a
suo favore. Con il trasferimento tutte le precedenti contestazioni
cadono, in quanto ogni contestazione non puo' prescindere dalla
posizione dell'assegnatario, e quindi, cambiando questo con il
trasferimento, bisogna eventualmente porne una nuova motivandola in
relazione al nuovo assegnatario.

> In pratica posso registrare un
> nome per danneggiare qualcuno ed un mio compare lo mantiene in
> 'contestazione' per anni e quel qualcuno non puo' fare nulla se non ricorrere
> ad un giudizio.

No. Anche se il compare contesta il dominio, chiunque altro lo puo'
contestare;
e se il "chiunque altro" ottiene il trasferimento, la contestazione del
compare non serve a niente.

> Secondo me il periodo si potrebbe anche ridurre da 6+3 a 3+3 perche' se
> uno dice di voler contestare un nome e poi non agisce di conseguenza sta
> solo facendo perdere tempo alla RA, all'assegnatario e a tutti gli altri
> compreso chi magari ha piu' ragioni di lui per contestare lo stesso nome.

Non funziona cosi', per quello che ho detto prima.

> Notare che la 'contestazione' ha praticamente senso solo se uno vuole
> utilizzare lo strumento arbitrale o una PDR. Nel caso uno voglia utilizzare il
> giudizio ordinario la 'contestazione nel RNA ' e' del tutto irrilevante sopratutto
> perche' non fornisce benefici immediati per chi la attiva.
>
> Cordiali saluti.
> Giorgio Griffini


    Enzo Fogliani.


-------------------------->>>  <<<--------------------------
Avv. Enzo Fogliani, via Prisciano 42, 00136 Roma
Tel.:  +39-06-35346935; Fax:  +39-06-35453501
http://www.fog.it/enzo - E-Mail: fog a fog.it



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe