Richiesta posizione IAT/CNR (designated manager of 'it' ccTLD)

Griffini Giorgio grunz a TIN.IT
Sab 3 Feb 2001 22:40:26 CET


Rispondo...
>
> Non voglio certo rispondere a nome del Prof. Denoth, ma e' cosa
> evidente ai piu' che una legge dello stato prevale su qualsiasi
> accordo privatistico, nel momento in cui la legge stessa non viola
> una norma comunitaria o (in certi casi) una convenzione
> internazionale. Per cui, mi dispiace dire che, cosi' come e'
> formulata, dal punto di vista giuridico la domanda e' priva di senso.

Sono d'accordo che una legge dello stato prevalga sugli accordi di tipo
privatistico ma credo questo valga e impegni solo le parti che sono soggette
a tali leggi. Nella fattispecie credo che la situazione sia piu' complessa e
sicuramente non impegna IANA/ICANN.
Scopo della domanda era e rimane il capire in che modo IAT/CNR intende
operare per mantenere gli impegni derivanti dalla delega del TLD .it
che presuppone mantenere aderenti le rules e policy a cio che viene stabilito
nelle guidelines IANA/ICANN se non e' in grado di determinare quali siano le
rules e le policy perche'  'per legge' le deve fare qualche altro soggetto.
Credo che in presenza di una simile situazione IAT/CNR debba comunicare
a IANA/ICANN l'impossibilita'  formale di poter ottemperare tale obbligo.
Per assurdo (fino ad un certo punto) cio' potrebbe anche comportare una
possibile redelegation del ccTLD perche' non so come possa considerare la
cosa ICANN che, sebbene tenga in grande considerazione l'opinione dei
governi, preferisce che tale interesse sia orientato alla selezione di quale
debba essere l'ente o soggetto a cui dare la delega del ccTLD piuttosto che
ad un intervento diretto governativo nelle policy e rules.
Per quello che ci riguarda come NA credo sia necessario conoscere
l'opinione di IAT/CNR sulla materia e capire in prima istanza - aldila' di
eventuali obblighi di legge - se preferisca demandare le regole alla paventata
Commissione Nazionale o alla Naming Authority Italiana in virtu' delle
responsibilita' assunte nei confronti di IANA/ICANN nel ruolo di 'designated
manager del TLD'.

Cordiali saluti
Giorgio Griffini



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe