R: R: R: R: R: Proposta integrazione OdG assemblea

Ignazio Guerrieri iguerrieri a PRONET.IT
Lun 5 Feb 2001 19:22:12 CET


vedo che, per quanto sforzi si possano fare, si continua a far finta di non
capire.
Ignazio Guerrieri
----------------------------------------------------------
Avv. Ignazio Guerrieri
Via G. Nicotera, 29
00195 - ROMA
E-Mail: iguerrieri a pronet.it
Tel.: +39-06-3217708;  Fax: +39-06-3223335

-----Messaggio originale-----
Da: Paolo Zangheri <paolo.zangheri a altair.it>
A: ITA-PE <ITA-PE a NIC.IT>
Data: lunedì 5 febbraio 2001 19.14
Oggetto: Re: R: R: R: R: Proposta integrazione OdG assemblea


Ignazio Guerrieri wrote:

> poi sul fatto che gli enti conduttori, piu' di ogni altro soggetto, siano
> portatori d'interessi (piu' che legittimi, ma pur sempre rigidamente
> privati) che mal si conciliano con le funzioni normative, mi sembra che
sia
> difficile dubitare: si puo' dire "e chissenefrega" e deliberare di
> conseguenza, ma il potenziale conflitto d'interessi resta, piaccia o no, e
> molto maggiore che per qualsiasi altro soggetto.

Perche' ?
Per quale motivo possiamo, anzi dobbiamo, dubitare della rettitudine
morale degli enti conduttori e soggetti connessi, e non possiamo
dubitare dell'assoluto disinteresse di altri?

Io, personalmente, non credo che questa piccola caccia alle streghe sia
utile, ne tantomeno giusta.

Tanto per non far nomi, l'ottimo Piarulli potrebbe essere, per via di
"Register.it", essere portato a proporre e attuare l'abolizione della
LAR. Ne ha diritto, e ha diritto, se lo ritiene, di portare questa tesi
fin nel cuore del CE, o della rpesidenza della NA se volesse.

Oppure l'instancabile Fogliani, già socio di ente conduttore, saggio,
arbitro e direttore del CE, potrebbe portare la sua impareggiabile
esperienza a frutto non solo degli enti conduttori, dei saggi e degli
arbitri, ma di tutta la NA senza che nessuno possa sollevare per un
attimo dubbi sulla sua virtù, o sul fatto che egli, come molti, ha
percepito che è più importante, di maggior INTERESSE, avere buone norme
e poi "sfruttarle", al pari di tutti, nel mondo reale, attraverso la sua
attività professionale.

O forse possiamo dubitare che la compentenza di Trumpy, il suo prestigio
internazionale, possano essere offuscati dalla sua appartenenza allo
IAT/CNR ? Forse che una sua eventuale posizione a favore della massima
tutela della RA andrebbe letta solo come interesse di bottega ?

In quest'ottica i migliori di noi (tra cui non sono) sarebbero per un
motivo o per l'altro esclusi da incarichi in cui la loro esperienza
potrebbe servire a tutti.

Come dire, ai vertici della NA mettiamoci dei dilettanti (persone che
operano per puro diletto, senza il minimo interesse).

Paolo Zangheri

P.S. Mi scuso per aver coinvolto personalmente alcuni autorevoli membri
della NA senza il loro consenso preventivo e per aver, probabilmente in
modo grossolato, interpretato parte del loro operato e delle loro
intenzioni.
Il mio intendimento era esclusivamente quello di dare un po' di sostanza
ad una discussione altrimenti troppo teorica ed astratta.
Ho indicato quei nomi solo per la massima stima che nutro nei loro
confronti.



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe