la situazione del dominio .ca

Vittorio Bertola vb a VITAMINIC.NET
Dom 8 Lug 2001 23:30:57 CEST


Non so quante persone in lista siano a conoscenza dell'assetto che si e'
dato il registry canadese, che ha appena terminato l'elezione del proprio
Board. Parlando di revisione dello statuto, mi sembra possa essere
interessante per la lista riassumerlo.

Brevemente, il registro e' governato da un policy board di dodici membri. Di
questi, tre sono nominati da varie associazioni:
- uno dalla CISOC (Internet Society Canada)
- uno dalla CAIP (associazione dei provider canadesi, equivalente alle
nostre AIIP, Assoprovider...)
- uno dai registrar del dominio .ca
Gli altri nove sono elettivi; vi e' poi un rappresentante del governo senza
potere di voto.

La base elettorale e' costituita da tutti coloro che hanno registrato un
dominio, un voto per persona (indipendentemente dal numero di domini
registrati) con nove preferenze, e la certificazione dell'identita' viene
fatta dai registrar (di fatto viene aperto un account all'atto della
registrazione del dominio).

Le procedure elettorali sono state una fotocopia di quelle di ICANN At
Large: un comitato ha selezionato il primo set di candidati, a cui poi si
sono aggiunti quelli che sono riusciti a raccogliere almeno 50 firme di
elettori; i candidati hanno presentato i propri programmi sul sito web del
registry, dove si e' anche tenuto un forum in cui gli elettori hanno posto
domande ai candidati.

Le maggiori differenze sono nel fatto che non vi e' un policy board separato
dal registro (ma questo e' legato anche al fatto che in Canada,
contrariamente a noi, il registro e' una entita' privata appositamente
creata solo per questo scopo, anziche' essere una parte di un ente pubblico)
e che la base elettorale e' ristretta a chi ha registrato un dominio
(mentre, al contrario, noi attualmente ammettiamo ad eleggere il CE tutti i
membri della NA). Io personalmente sono assolutamente a favore del principio
che gli "stakeholder" del sistema sono composti anche da persone che non
posseggono un dominio, ma che sono comunque toccati dalle decisioni
politiche del registro (dagli utenti finali ai legali ai registrar stessi);
e' comunque interessante il fatto che anche loro siano ricorsi ad un abbozzo
di "constituency" garantendo posti riservati a determinate componenti, e che
abbiano pero' ritenuto di mantenere elettiva la grande maggioranza dei
posti. Per il resto il sistema implementato in Canada mi sembra piuttosto
simile al nostro.
--
.oOo.oOo.oOo.oOo vb.
Vittorio Bertola     <vb a vitaminic.net>    Ph. +39 011 23381220
Vitaminic [The Music Evolution] - Vice President for Technology

DISCLAIMER, PLEASE NOTE: This communication is intended only for use by the
addressee. It may contain confidential or privileged information.
Transmission, distribution and/or copy cannot be permitted. Please notify
immediately the sender by replying if you are not the intended recipient.



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe