R: Uso di "postmaster"

Wincom ariosto a WINCOM.IT
Gio 12 Lug 2001 11:26:35 CEST


At 10.15 11/07/01 +0200, demaria a webworld.it wrote:
>Al punto f) della LAR viene richiesto al cliente, titolare del dominio,
>di garantire la raggiungibilità via E-mail di tutte le persone indicate
>nel tag ''postmaster''.
>A mio avviso questo non centra nulla con l'alias/mailbox postmater@
>perche' l'indirizzo e-mail che conta e' quello indicato nel relativo
>nic-handle.

Concordo: le regole di naming non parlano affatto di postmaster a dominio.it;
se ne parlano le RFC è un'altro paio di maniche...

>Sarebbe comunque buona norma, credo, fare in modo che le e-mail
>postmaster@ (e magari anche abuse@) siano operative, soprattutto quando
>il cliente usufruisce dei servizi di posta.

Vorrei fare una domanda retorica e provocatoria: se a postmaster a dominio.it
(e magari anche alla e-mail indicata nel tag postmaster) risponde un robot
con il classico messaggio precotto "grazie per averci scritto, prenderemo
in considerazione il Suo messaggio al più presto" (molto frequente sulle
e-mail degli abuse@), ma poi nessun essere umano legge i messaggi, si è in
regola con le RFC (e le regole di naming) o no?
Se la risposta è no, il check automatico della raggiungibilità dovrebbe
funzionare così: invio di un messaggio con la richiesta di riportare il
titolo principale del giorno di un quotidiano nazionale (scelto a caso e
sempre diverso), e verifica che nella risposta il titolo sia corretto. Non
mi viene in mente nessun altro sistema di check non eludibile da un
programmino ben fatto... :-)

Cordiali saluti.
Gian Carlo Ariosto

  /*\  .. . . . . . . . . . . . .
  \ / . ASCII Ribbon Campaign .
   X .- NO HTML/RTF in e-mail .
  / \ .- NO Word docs in e-mail.
/   \ .. . . . . . . . . . . . .



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe