OKKIO: dai lavori di Camera e Senato.

MNT-VISCUSO - Vincenzo Viscuso (Viscuoso) enzo a ENZOVISCUSO.IT
Dom 22 Lug 2001 20:25:40 CEST


Scusate se sono noioso, e da quando sono in lista continuo a dire la stessa cosa.
I   GOVERNI   DI  TUTTO  IL  MONDO  DEVONO  TOGLIERE  LE MANI  DA  INTERNET.
A parte i discorsi di principio, č inutile.
Internet č una struttura a livello mondiale, e non si puo' mettergli le briglie.
Quindi le regole, o si fanno a livello mondiale, o sono inutili.

Prendiamo ad esempio i due argomenti che sono in lista in questi giorni:

1. I log: chi non ha nulla da temere, non ha paura dei log.
Chi invece fa qualcosa di illegale, state pur certi che si rivolgerā ad ISP stranieri, oppure
passerā tramite proxy anonimizzanti. A questa mia mail ne seguirā una firmata "SuperPippo" e voglio
vedere chi saprā tecnicamente associarla a me. Costoro tengono i log per 24 ore, molto poche per la
lentezza
della Giustizia Italiana; cioč entro 24 ore bisogna DIMOSTRARE loro che il loro cliente ha commesso
un reato, e solo allora ti danno il suo IP originale. E questo č uno di quelli ufficiali e corretti
...

2. Richiesta di documenti da parte degli Internet-Point.: idem come sopra.
Sono stato oggetto di un attacco da parte di una persona da un internet-cafč di Roma attraverso un
anonymizer; era l'una di notte, e con un intuito e fortuna pazzeschi, sono riuscito, all'una e mezzo
a raggiungere sul cellulare il titolare del locale, il quale mi ha confermato che il suo cliente era
stato seduto fino a 5 minuti prima proprio nel posto affianco alla cassa, dove prestava servizio
quella notte. Di identificazione neanche a parlarne; anche perchč, se non leggo male la Legge, si
parla solo di "spedizione posta"; pero' sappiamo tutti che internet č piena di web-form per la
spedizione di e-mail.
Certo, volevo madargli la foto del sospettato per poi fare denuncia, ma il poveraccio mi ha fatto
pena ed ho lasciato stare.

A parte l'interesse personale per la faccenda e per tutti i discorsi sulla libertā su internet (sono
tra i soci fondatori di Societā Internet) ho conoscenze internettiane in tutto il mondo, compresi
tanti paesi out, e so di tutti i casi possibili.
Un mio cliente cinese, ad esempio, ha la e-mail "ufficiale" .cn, ma per tutti gli altri contatti ne
ha su hotmail, yahoo, etc. e li va ad utilizzare tramite anonymizers e programmi di criptazione
(proxys che criptano i segnali ed un programma locale che li decripta secondo un suo algoritmo
personalizzato).
Neanche facendo l'intercettazione sul suo telefono potrebbero leggere i suoi messaggi e vedere dove
va a navigare.
Se poi mettiamo che in Cina ci sono tot centinaia di milioni di telefoni ...

Enzo Viscuso.

> Non sono cosi' sicuro che vi sia un obbligo di legge pero' posso
> assicurare
> che nel pomeriggio del giorno prima della ns. assemblea  in Roma mi sono
> recato in uno di questi Internet Point in prossimita' di Stazione Termini
> per vedere gli ultimi messaggi pervenuti in lista e non mi hanno chiesto
> proprio nulla... Oltretutto, parlando invece di privacy, avrei potuto
> esaminare con tutta la tranquillita' possibile l'history di colui che
> aveva navigato prima di me.



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe