GAC

Stefano Trumpy Stefano.Trumpy a IAT.CNR.IT
Lun 23 Lug 2001 17:10:41 CEST


At 13:19 +0200 7/23/01, Pieremilio Sammarco wrote:
>Qualcuno della nostra lista, e sono certo che l'amico Stefano Trumpy,
>sicuramente sì, può dirmi se è vero che il Governmental Advisory Committee
>(GAC) (organo dell'ICANN) nel 1999, in un proprio documento, ha previsto che
>laddove una Registration Authority nazionale perda l'autorizzazione od il
>sostegno della pubblica autorità del paese di appartenenza, l'ICANN possa
>sostituire la Authority nazionale che non gode più della fiducia con
>un'altra da esso prescelta.
>Si può confermare questo assunto ? ed eventualmente, dove si può rinvenire
>tale documento ? Presso il sito ICANN non sono riuscito a trovarlo.

Saluti a tutti, effettivamente il GAC ha a suo tempo prodotto un
documento che da' delle indicazioni su quelli che sono i rapporti
raccomandati tra il registro, il Governo locale, che si suppone sia
in contatto con la Local Internet Community (LIC), e con ICANN; il
documento si intitola: "Principles for Delegation and Administration
of ccTLDs Presented by Governmental Advisory Committee". Il GAC ha
poi fatto riferimento piu' volte a questo documento nei propri
comunicati emessi in occasione delle riunioni del Board di ICANN.
ICANN ha accolto il documento, ha promesso di tenere conto delle
raccomandazioni ivi incluse ma non lo ha formalmente adottato;
d'altro canto il documento e' abbastanza generico, indicando delle
azioni auspicate. Nella sostanza, ICANN si accinge a stipulare i
contratti con i registri ccTLD in due forme possibili. Una forma e'
quella cosi' detta trilaterale che prevede una comunicazione di un
rappresentante governativo ad ICANN  ed al registro che esprime il
consenso affinche' il contratto venga stipulato tra ICANN ed il
manager attuale del registro. L'altra forma: il contratto bilaterale,
viene stipulato direttamente tra il manager del registro ed ICANN,
senza alcun pronunciamento di natura governativa. Il GAC raccomanda
ad ICANN di stipulare il piu' possibile dei contratti trilaterali.
Se ci sono problemi per il registro nella propria relazione con la
LIC, si dovrebbe iniziare una procedura di ridelegazione; nel caso di
contratto trilaterale, ICANN non entrerebbe assolutamente nel merito
della ridelegazione ma attenderebbe un input dal rappresentante
governativo; nel caso di contratto bilaterale invece ICANN, non
avendo contatti con il governo locale, si troverebbe a fare da
arbitro della situazione, come ha fatto ai tempi di IANA e
recentemente. Nel nostro caso, si ritiene piu' appropriato stipulare
un contratto trilaterale; a breve si vedra'.
Vale la pena di ricordare che ICANN, durante la propria vita (3 anni
e 1/2) ha operato una sola ridelegazione (del tipo bilaterale) che ha
riguardato la isola di Pitcain (50 abitanti); questo per dire che i
processi di ridelegazione sono comunque alquanto laboriosi, specie se
le parti interessate non trovano un accordo.
Spero che questo spieghi la situazione che non si dedurrebbe
facilmente dal solo documento citato.
Stefano Trumpy

>Grazie a tutti.
>
>
>Pieremilio Sammarco



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe