Dubbio amletico....

Wincom ariosto a WINCOM.IT
Gio 26 Lug 2001 17:28:38 CEST


At 15.33 26/07/01 +0200, Antonio Ruggiero wrote:
>(cut)
>         Ho fatto precisare nella LAR che l'iscrizione alla C.C. e'
>stata richiesta, ma sembra che non sia sufficiente a che una societa'
>neocostituita NON puo' registrare un dominio.
>
>         Cosa ne pensate?

Credo che sia corretto attendere l'iscrizione, che viene richiesta anche
per tutti i contratti di fornitura, ad esempio di servizi telefonici: se
poi lo statuto della societÓ non venisse omologato?

Per evitare qualsiasi rischio di "scippo" del nome a dominio, in
particolare se coincidente con il nome della societÓ, io penso che uno dei
soci debba registrare personalmente il nome a dominio, ancora prima di
costituire la societÓ (dal momento della costituzione il nome diventa di
pubblico... dominio!), per poi trasferire il nome a dominio con tutta calma
quando la societÓ avrÓ tutte le carte in regola.

Se tutti i soci avessero giÓ registrato un nome a dominio e nessuno di loro
avesse una partita IVA, l'operazione potrebbe essere gestita da una persona
di fiducia (ad esempio, il commercialista della societÓ, che di solito ne
conosce giÓ il nome prima della costituzione).


Cordiali saluti.
Gian Carlo Ariosto

  /*\  .. . . . . . . . . . . . .
  \ / . ASCII Ribbon Campaign .
   X .- NO HTML/RTF in e-mail .
  / \ .- NO Word docs in e-mail.
/   \ .. . . . . . . . . . . . .



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe