modifica art. 16.6 reg. naming

l.albertini avv.albertini a LIBERO.IT
Sab 16 Giu 2001 09:46:20 CEST


> A questo punto perche' i domini di una attivita' commerciale
dovrebbero
> essere intestati a persone fisiche, e' molto piu' comodo intestarli
alla
> societa'.

in teoria si, ma in pratica non sempre avviene

> >A seguito di varie possibili vicende può darsi che T esca dalla
società
> >(per recesso, esclusione ...),la quale nel frattempo ha adottato
tutta
> >una serie di marchi e insegne uguali al d.n., o che comunque
abbandoni
> >l'attività comune (che si metta in proprio, ad es.).
>
> Scusa se ti chiedo una consulenza legale gratuita :-) ma in questo
caso un
> accordo tra le parti con un risarcimento di un miliardo qualora T non
> restituisca il dominio non dovrebbe essere sufficiente?

ancora una volta, in astratto certamente si, ma in concreto raramente
si giunge a concordare simile clausola

>>2) la questione è generalizzabile: due soggetti decidono che uno  di
> >esse si intesti il d.n., ma solo per un certo periodo di tempo, dopo
di
> >che passa all'altro. Le ragioni possono essere le più varie (non
> >escluso uno scopo meramente fiduciario): non è rilevante specificarle
> >qui.
> (...) se hanno fatto un accordo privato basta mettere delle penali
forti.

vedi sopra

> si ma non mi sembra un caso cosi' frequente.

può darsi, ma succede

>Personalmente sono contrario a sprecare tempo per normare eventi rari

la modifica è semplice e, salvo errore, non mi pare pregiudichi la
disciplina dei casi più frequenti

cordialità
l.albertini  vr



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe