modifica art. 16.6 reg. naming

Riccardo Roversi rroversi a SLA.IT
Lun 18 Giu 2001 22:04:23 CEST


è il solito discorso

la risposta più semplice è che questa scelta è dovuta all'origine delle
nostre procedure, mutuate dalle MAP di ICANN (che sono caratterizzate dalla
medesima impostazione)

se volete, potete andare a studiare i lavori preparatori di ICANN

buona lettura

Riccardo Roversi



----- Original Message -----
From: "l.albertini" <avv.albertini a libero.it>
To: "itape" <ita-pe a NIC.IT>
Sent: Saturday, June 16, 2001 9:49 AM
Subject: Re: modifica art. 16.6 reg. naming


> > > Si dovrebbe però forse riconsiderare radicalmente la necessità
della
> > > malafede sia all'inizio che nel prosieguo, prevista dalla lettera
c):
> > > perché, infatti, per ottenere la riassegnazione , non dovrebbe
essere
> > > sufficiente provare la malafede avversaria al momento della
> > > registrazione (del resto è ipotesi solo teorica che la m.f.
diventi
> > > buona fede in corso di attività)?
> > > che ne dite?
> > Che le procedure di riassegnazione non sono state pensate per questo
> > tipo di problematica.
> >         Loris
>
> Esatto. Le procedure di riassegnazione sono amministrative e concepite
> SOLTANTO per i casi di malafede e quindi manifesto accaparramento
indebito.

appunto: non si vede perchè in quest'ottica non debba bastare la prova
della m.f. iniziale e si debba, invece, provare anche la m.f. in corso
di attività.
buon fine settimana
l.albertini  vr



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe