R: La risposta di Passigli.

Bruno Piarulli piarulli a REGISTER.IT
Ven 2 Mar 2001 17:46:46 CET


Questo pomeriggio abbiamo emesso un comunicato, gia' ripreso da AGI, lo giro
in lista per conoscenza

Bruno Piarulli
------------------------------
Register.it by GOT.IT srl
tel +39 035 4243905
fax +39 035 4243898


Milano, 3 marzo 2001

In riferimento alle dichiarazioni del sottosegretario all'Industria Stefano
Passigli rilasciate il 28 febbraio in sostegno del progetto di legge sulla
regolamentazione dei nomi a dominio su Internet contro accaparramenti, Bruno
Piarulli, Amministratore Delegato di Register.it, afferma che "tale disegno
di legge, pur concepito per garantire la liberta all'uso in Rete del proprio
nome o marchio contro abusi e accaparramenti, ottiene in pratica esattamente
l'effetto opposto".

"Viene il sospetto - afferma Piarulli - che l'On. Passigli si riferisca ad
un disegno di legge diverso da quello in discussione alla Camera . Se e vero
che tutti i principali paesi hanno norme contro l'accaparramento, e anche
vero che in nessun paese il governo si e accaparrato il diritto di decidere
chi puo registrare cosa. Il governo avrebbe dovuto limitarsi a definire
pesanti sanzioni a carico dei trasgressori delle Leggi e delle Norme che gia
esistono. Al contrario, i controlli ipotizzati dal DDL, che arrivano al
limite della censura, elimineranno di fatto la possibilita per i privati e
le piccole aziende di registrare un dominio .IT, a causa di onerosi costi
aggiuntivi e rigide procedure burocratiche, lasciando il campo libero alle
grosse aziende che potranno registrare tutti i domini che vorranno. E la
corresponsabilita della registrazione da parte degli intermediari, oltre a
essere contraria alle recenti normative Europee, eliminera ancora una volta
le piccole aziende a favore delle grosse, spesso straniere".
"Anche l'affermazione che 'chi non e stato in grado di assicurare un
corretto funzionamento con l'autoregolamentazione farebbe meglio a tacere'
lascia alquanto esterrefatti".
"Non si credera - conclude Piarulli - che i grossi accaparratori che nei
mesi scorsi hanno deciso di rilasciare liberi i domini impropriamente
registrati lo abbiano fatto per spontanea bonta. Le regole e le leggi
esistenti gia permettono di eliminare gli abusi, basta definire le sanzioni
per i trasgressori".






> -----Messaggio originale-----
> Da: chiari mario
> Inviato: venerdi 2 marzo 2001 9.54
> Oggetto: La risposta di Passigli.
> .......
> >
> >R ECO S0A S41 QBXX
> >INTERNET: PASSIGLI, LEGGE SU DOMINI CONTRO ACCAPARRAMENTI
> >
> >   (ANSA) - FIRENZE, 28 FEB - Il sottosegretario all' Industria  Stefano
> >Passigli sostiene il progetto di legge ''che intende   difendere Internet
> >eliminando l' illecito accaparramento di   migliaia di nomi a dominio'' e
> >attacca ''quanti frappongono   ostacoli alla sua approvazione''.
> >   ''In Italia - afferma Passigli - si e' verificato un illecito
> >accaparramento di migliaia di nomi a dominio da parte di
> speculatori che
> >intendono rivenderli ai legittimi titolari   realizzando
> cospicui profitti
> >al limite del ricatto. Dato lo   stato della giustizia civile,
> rientrare in
> >possesso di tali   domini tramite un' azione giudiziaria
> significherebbe per
> >i   legittimi titolari attendere anni e anni. Tutti i principali
>   Paesi, a
> >cominciare dagli Usa, hanno adottato norme per colpire   il
> cyber squatting,
> >per colpire cioe' l' occupazione abusiva dei   nomi a dominio. Questo e'
> >quanto fa la proposta di legge oggi in   discussione in Parlamento''.
> >   ''Nessun controllo politico sui contenuti dunque - conclude
> Passigli -,
> >ma solo una norma che impedendo un vero e proprio   ricatto assicuri la
> >liberta' dell' uso in rete e del proprio   nome o marchio. Chi afferma il
> >contrario mente per difendere il   proprio personale tornaconto economico
> >fondato su di un vero e   proprio abuso. Chi in buona fede non ha saputo
> >assicurare un   corretto funzionamento della rete, attraverso
> >l'autoregolamentazione farebbe meglio a tacere per non   confondersi con
> >veri e propri profittatori''.
> >(ANSA).
> >
> >     COM-FBB/DM
> >28-FEB-01  19:58 NNN
> >



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe