Utile ma forse un po' debole...

Griffini Giorgio grunz a TIN.IT
Sab 3 Mar 2001 00:57:32 CET


Il subject e' ovviamente riferito alla proposta di 'protesta' che sta circolando
nelle liste su cui vorrei esprimere uno spassionato parere [nellla mia qualita'
di non-maintainer,  non-RA,  non-azienda , non-governativo ].

La proposta mi sembra un po' debole perche' non credo possa provocare un
reale disagio e/o visibilita' reale. Nel momento in cui vi sono contrasti forti per
arrivare ad una soluzione concertata e' necessario brandire e sventolare le
corrette "armi" (tra virgolette). Cio' non significa essere aggressivi, significa
cercare di far valere le proprie ragioni in funzione del grado di coinvolgimento
e di forza che si ha effettivamente a disposizione. Nel mondo del lavoro la
dinamica delle cosiddette 'relazioni industriali' si e' sufficientemente
consolidata :-) e sul piatto vengono branditi, tra le altre cose, gli eventuali
disagi che ciascuna parte puo' legittimamente provocare all'altra. Quando il
computo costi(in termini di disagio)/ benefici raggiunge un grado di
soddisfazione per ambo le parti (quelle che negoziano, non necessariamente
quelle che esse rappresentano) allora si giunge all'accordo.
In questo scenario in cui non sembra esserci nemmeno dialogo e
considerazione, mettere sul piatto una protesta civile e con una forte
probabilita'  di essere invero sporadicamente condivisa mi sembra piuttosto
debole sopratutto per una certa indole italiana a fregarsene delle leggi in
vigore figuriamoci di quelle che devono essere ancora approvate.
Come NA abbiamo la possibilita' di mettere sul piatto qualcosa di davvero
molto forte, credetemi, e piu' lo faremo pacatamente e con i toni di coloro
'che vi sono stati praticamente costretti'  piu' avremo l'appoggio anche della
comunita' internazionale oltre che della comunita' internet italiana.
Quale possa essere questa azione credo che qualcuno possa gia' averlo
percepito, per gli altri, preferisco per il momento dire che e' una azione tesa
a rendere evidenti gli effetti della PDL qualora convertita in legge ed i cui
disagi colpirebbero anche alle 'lobby' (reali o presunte) che stanno
supportando questa PDL.
Conto di poter formulare la cosa in maniera organica nel brevissimo (in
tempo ovviamente) salvo intervenire nella discussione qualora dovessi vederla
scaturire 'spontaneamente' da altri in lista.
Per il momento, visto che il nemico (si fa per dire,ma non troppo) ci 'ascolta'
ma non vuole parlare con noi perche' di poco ci considera capaci credo sia
meglio, al momento, non rivelare troppo le carte.
Anche l'effetto 'sorpresa' vuole la parte...

Cordiali saluti
Giorgio Griffini



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe