R: R: La risposta di Passigli.

Giorgio Just giorgio.just a WAVENETGROUP.IT
Lun 5 Mar 2001 14:35:03 CET


At 12.47 05/03/01 +0100, Ignazio Guerrieri wrote:
>Giorgio Just ha scritto:
>
>[zip zip]
> >Stabilire dei "criteri preventivi" di registrazione entrando nel "merito"
> >di un nome - oltre ad essere l'opposto di quanto la comunità Internet ha
> >fin qui fatto - costituisce un "non senso" e, molto più grave, una palese
> >contraddizione. Esistono già delle leggi di carattere generale che tutelano
> >molte cose.

zip zip

>cerco di risponderti con pacatezza,

rispondo anch'io con pacatezza (ma che, ho offeso qualcuno che mi si deve
rispondere "pacatamente"? dimmi che non sei d'accordo con me, non mi
arrabbio mica)

>notando con piacere che hai
>perfettamente chiari temi e problemi giuridici sui quali giuristi e
>magistrati hanno versato (e continuano a versare) fiumi d'inchiostro.... :-)

non mi sono certo messo sul "nobile" piano dei giuristi e magistrati (che
del loro, comunque, non forniscono sempre esempi illuminanti...) anzi ...,
stavo solo dicendo che e' pacifico che la violazione di leggi di carattere
generale vale anche per i DN (citavo lo spregio di un nome come esempio)

>francamente non posso condividere la tua affermazione secondo la quale
>entrare nel "merito" di un nome costituirebbe un non senso ed una
>contraddizione, visto che sarebbe il contrario di quanto la comunita'
>internet ha fatto fino ad oggi, e che gia' esisterebbero delle leggi "di
>carattere generale che tutelano molte cose" (parole tue).
>Primo: il fatto che fino ad oggi la comunita' internet si e' conformata a
>tutt'altri prinicipi, perdonami, ma non vuol dire proprio niente.

be', non direi proprio: non è stato mica un comportamento "casuale"....

>allora che
>facciamo, siccome abbiamo sempre fatto in un modo, quando la prova dei fatti
>(vedi Polis) dimostra che sarebbe necessario qualche adeguamento, rimaniamo
>immobilisticamente fermi e rigidi sulle ns. posizioni?

il caso Polis o simili - sempre citato, a proposito o meno - e' la semplice
conseguenza di aver reso disponibile una risorsa (il DN) in modo conforme
alla sua natura (o caratteristica). adesso per evitare qualche presunto  o
reale abuso (mi si deve ancora dimostrare perche' registrare 10 DN e'
lecito ma 1000 o 5000 non lo sarebbe ...) si vuole rendere impraticabile la
registrazione dei nomi .IT e gg.TLD (e per i soli soggetti italiani, poi)


>Secondo: mi sembra innegabile che le regole di naming si sono rivelate
>(sempre alla prova dei fatti) palesemente inadeguate a contenere il fenomeno
>del cybersquatting; ma seriamente qualcuno pensa che le MAP possano
>seriamente essere considerate  - esse sole - come un valido deterrente?? ma
>suvvia.... :-)

perche', esisteva un altro modo? in questa e in una successiva mail ti
limiti a dire: "non bastano le regole di repressione, bisogna/va scrivere
anche altre norme". E che cosa suggerisci? Di fissare un tetto per le
registrazioni. Chiedo di nuovo: perche' 10 si' e 1000 no? E comunque non e'
di questo che si occupano i DL in esame.
e' fastidioso, pero', sentirsi accusare di voler proteggere il
cybersquatting (come ha insinuato Passigli: conosciamo il sistema ...) solo
perche' si sostiene qualcosa di diverso

>Terzo: cio' che finora ha creato i maggiori problemi interpretativi in sede
>giurisprudenziale e' stato proprio SE e COME applicare ai nomi a dominio
>quelle che tu definisci le "leggi a carattere generale". per questo non mi
>sarebbe sembrato assurdo cercare di definire, nelle regole di naming, dei
>criteri di merito per la registrazione dei nomi a dominio; soprattutto nel
>momento in cui si elimina ogni limite al numero dei domini registrabili.
>seriamente non credi che, con delle regole un po' piu' attente e precise,
>avremmo se non altro reso la vita un po' piu' difficile a Grauso e C.? io
>penso di si.

questo puo' essere, ma allora parliamo delle "regole piu' attente e
precise", anche se non so quali avrebbero modificato di molto la questione
Grauso

>Quarto: continuo a ritenere che delle valide regole di naming non possano
>occuparsi soltanto dei mezzi di risoluzione delle dispute, ma che debbano
>prevedere anche qualche strumento di prevenzione del cybersquatting.

non mi risulta che in altri contesti la situazione sia diversa.  Nominet ha
fissato una corrispondenza tra certi suffissi (ltd.uk) e ragione sociale,
ma e' solo una limitatissima limitazione (scusa la cacofonia)

>comunque, e' chiaro che e' sempre questione di punti di vista....

certo

Saluti
Giorgio Just



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe