Testo (spero) finale comunicato stampa

Claudio Allocchio Claudio.Allocchio a GARR.IT
Mar 6 Mar 2001 12:45:43 CET


Giorgio, sul punto della sospensione delle registrazioni non mi sembra di
aver visto il consenso assoluto di tutti su questo testo, ed anche sulla
prima affermazione che viene riconosciuta l'indubbia utilita' di un
intervento legislativo.

Io suggerirei le seguneti modifiche. Fatemi sapere le vostre opinioni.
Grazie!

"La Naming Authority Italiana(*), pur riconoscendo che vi sono ancora
molti punti sui quali la legislazione nazionale deve adeguarsi alle nuove
realta' e situazioni che lo "strumento Internet" rende possibili, e che
queste carenze legislative possono portare a situazioni di abuso, ritiene
che l'intervento proposto in materia di registrazioni di nomi a dominio,
sul quale la NA ha in proposito espresso a piu' riprese ampie
perplessita', vada ben oltre quello che ci si potrebbe ragionevolmente
attendere. Esso infatti comporterebbe una distorsione sensibile rispetto
al modello di registrazione di nomi a dominio sinora prospettato dalle
competenti organizzazioni internazionali sia in ambito di registrazione
nomi (ICANN) che nella tutela dei marchi (WIPO), e farebbe diventare
l'Italia una "anomalia" rispetto alle altre nazioni, ed in prospettiva
potrebbe creare situazioni di difficile o impossibile soluzione a livello
internazionale.

Se la proposta legislativa venisse approvata nei termini attuali, per
scongiurare il rischio che i registranti (aziende, enti, privati
cittadini, e chiunque acceda o intenda accedere alla rete Internet)
vengano loro malgrado inconsapevolmente colpiti da effetti diretti ed
indiretti (ad esempio le pesanti sanzioni amministrative paventate nei
Disegni di Legge) non in sintonia con la prassi sinora adottata in campo
nazionale ed internazionale per le registrazioni di nomi a dominio, la
Naming Authority Italiana esaminera' l'ipotesi di una sospensione
cautelativa delle registrazioni almeno sino all'insediamento della
ipotizzata commissione nazionale prevista dai DDL. La Naming Authority
(organo che opera senza fini di lucro, su base volontaria) non sarebbe
infatti in grado di provvedere alla doverosa informativa diffusa che
risulterebbe necessaria tutelare i soggetti registranti.

La Naming Authority Italiana, nell'auspicio che i legislatori vogliano
tenere conto dei suggerimenti migliorativi proposti in piu' occasioni,
vigilera' l'iter parlamentare per verificare il sopraggiungere degli
opportuni chiarimenti e/o aggiustamenti al testo di legge in discussione."

---------------------------------------------------------------------------
(*) organismo preposto alla stesura delle regole e procedure di
registrazione di nomi a dominio per il Country Code "it" nell'ambito della
normale prassi indicata dalle organizzazioni internazionali e dagli
accordi interni alla comunita' Internet nazionale.



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe