R: Impressioni d'assemblea

Luca De Maria (E-mail) demaria a WEBWORLD.IT
Dom 18 Mar 2001 01:47:40 CET


Il 16 non ho potuto partecipare ma prossimamente avro la possibilita,
grazie al verbale (?!), di sapere come sono andate le cose ed a cosa
e servita un'assemblea che prima di tutto avrebbe dovuto avere la
funzione di compattare, o meglio ricompattare, tutte le forze in
gioco per un unico obiettivo: autoregolamentazione.

Forse, la NA subisce la decisione di permettere a tutti di parteciparvi
senza effettuare selezioni non tanto dal punto di vista culturale
quanto dal punto di vista morale. Oggi, molti (non tutti per fortuna)
pensano a se stessi, senza capire il vero significato di
*condivisione di obiettivi*.

Dico forse perche anch'io, e mi scuso pubblicamente, mi sono
lasciato trascinare dall'irruenza (che fortunatamente non mi
contraddistingue) negli ultimi messaggi in ITA-PE, dovuta ad una
scarsa efficacia di una struttura che invece dovrebbe essere
l'unica avente voce in capitolo, non perche la prima, ma
perche in grado di dimostrare la propria validita.

Confido nel futuro, perche l'unica strada percorribile e quella di
lasciare che le regole dell'internet le facciano chi "capisce di internet":
non a caso a livello mondiale sono state date indicazioni specifiche che
speriamo il prossimo governo ascolti.

Anche la politica, in parte, e colpevole di averci tolto quella serenita
di lavorare grazie al fatto che per lei (la politica) internet e sinonimo
unicamente di e-commerce; chi della vecchia guardia (io? troppo giovane
per farne parte ;-) sa che non e cosi si sara trovato a doversi difendere da
regole e leggi ingiuste sotto tutti i punti di vista: prima di tutto perche
mancavano di rispetto a chi, con impegno e passione, ha portato internet
fino
a qui, almeno in Italia.

La NA ora ha tanti compiti, ed una spada di damocle che potrebbe addirittura
annientare la struttura a breve; in piu, troppe persone in gamba mancano
all'appello
perche troppo impegnate a far soldi per capire quanto siano importanti
regole
giuste (io sono mainteiner ma tantissimi, non solo non hanno partecipato
all'assemblea, ma non sono nemmeno iscritti alla NA e quindi ad ITA-PE).

Insomma, io sono con lei Griffini, e con tutti quelli che credono ancora
in una naming authority che sia in grado di farsi rispettare, non con la
forza ma con il buon senso ed i fatti concreti. Abbiamo pochi mesi prima
che qualcuno decida al posto nostro: speriamo che i nuovi eletti siano
in grado di non deludere me, lei, e tutti quelli che amano l'internet non
perche "fa far soldi" ma perche deve essere l'esempio di regole morali
e di organizzazione.

Forza ragazzi!

Luca De Maria
networkserver-mnt



> -----Messaggio originale-----
> Da: owner-ita-pe a NIC.IT [mailto:owner-ita-pe a NIC.IT]Per conto di
> Griffini Giorgio
> Inviato: sabato 17 marzo 2001 16.11
> A: ITA-PE a NIC.IT
> Oggetto: Impressioni d'assemblea
>
>
> Riporto alcune impressioni rispetto alla assemblea che si e' tenuta
> il giorno 16 (ieri) :
>
> Comincio ad avvertire alcune profonde perplessita' su cio' che la NA
> vuole,dovrebbe e deve essere. L'assemblea del 16 ha
> dimostrato in maniera
> inequivocabile l'atteggiamento di allegra pasticcioneria in
> cui e' piombata la
> NA. Evito di commentare gli accadimenti (non ultimo anche una sorta di
> accapigliamento fisico di cui ho avuto notizia non confermata
> mentre ero
> sulla strada del ritorno a casa), ma sinceramente quello che
> ho visto sono il
> sintomo di una NA allo sbando in cui non mi riconosco piu'
> ne' negli scopi ne'
> nei metodi e nelle intenzioni.
> Non ne sono sicuro ma temo che questa assemblea sara' la
> pietra tombale
> di una NA che ormai non guarda piu' agli scopi per cui esiste
> (le regole di
> naming) ma e' diventata un 'surrettizio' e a tratti
> presuntuoso centro di potere
> 'virtuoso' con tutti gli ammenicoli che ne conseguono (bisbigli nel
> retrobottega, scalate, il giocare contro o a favore di questo
> e di quello).
> Dopo un gran parlare di necessita' di cambiare la struttura, di
> rappresentativita' e quant'altro... alla fine della 'fiera',
> in concreto, si e' fatto
> davvero ben poco. Purtroppo, aldila' del misero risultato
> ottenuto, comincio
> davvero a pensare che un 'azzeramento' forzoso di questa 'gotha' di
> inconcludenza (me compreso,limitatamente a quelle che possano essere
> considerate le mie colpe) sia l'unica soluzione possibile e
> chi verra' in
> seguito, anche sbagliando (con moderazione),  potra' fare
> solo cose migliori.
> Non abbandonero' la nave, rimarro' qui almeno per vedere fino
> a che punto si
> arrivera' nello sciupare una delle pochissime occasioni a
> livello mondiale in
> cui un registry da'  l'opportunita' alla Local Internet
> Community di modellarsi
> addosso le policy senza farle piombare dall'alto.
> Da quello che ho visto e' che in NA semplicemente non c'e'
> (piu') la maturita'
> necessaria, quindi ...pazienza...  (la maturita'  non e' cosa
> che si compra al
> supermercato)
> Sono un po' stanco di combattere per un ideale di
> correttezza, equilibrio,
> rigorosita',efficenza e concertazione che solo sulla carta dovrebbero
> coincidere con i punti cardine di un organo come la Naming Authority.
> Mi riposero un po'  facendo il ' il mulino a vento' ...e'
> oltraggiosamente piu'
> comodo ma in linea con la partecipazione media NA...
> Trovo il tutto davvero triste ma come si dice ...'cosi' e' la vita'...
>
> Cordiali saluti
> Giorgio Griffini
>



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe