Modifiche allo Statuto

Lucio Virzi TIN luviz a TIN.IT
Mar 20 Mar 2001 19:36:09 CET


Rispondo solo in merito alle deleghe.
Vorrei aggiungere una mia considerazione; con la richiesta di modifica dello
statuto in funzione dell'introduzione del voto elettronico certificato, e'
auspicabile la cancellazione del meccanismo delle deleghe che (ho visto
anche 6 deleghe in mano ad un singolo member) secondo me e' lesivo per le
decisioni collegiali.

Ho una posizione un po troppo "radicale"?

Saluti,

LV
----- Original Message -----
From: <mario.pisapia a TIN.IT>
To: <ITA-PE a NIC.IT>
Sent: Tuesday, March 20, 2001 6:41 PM
Subject: Modifiche allo Statuto


> Lo svolgimento dell'assemblea del 16 marzo ha reso chiaro a tuti i limiti
> dello statuto della NA, dei quali é opportuno prendere attoper
> individuare i punti deboli da modificare. Vorrei suggerire alcuni punti
deboli su cui
> ri flettere:
>
> 1. Determinazione di un quorum più alto per le delibere dell'assemblea
> che abbiano ad oggetto la modifica dello statuto, le regole di naming, le
> procedure di riassegnazione. Nauralmente, dovranno essere fissati quorum
> diversi a seconda dell'oggetto della delibera.
>
> 2. Deleghe. La presenza in assemblea e la partecipazione alla discussione
> aiuta a comprendere meglio le questioni di cui si dibatte e il confronto
> con gli altri può anche portare alla modifica radicale del proprio punto
di
> vista, ma ciò non può avenire per gli assenti. Essi rinunciano a
> confrontarsi e, delegando altri a partecipare all'incontro, concedono ad
essi la
> possibilità di decidere al loro posto anche se, é probabile,
> prendendo parte alla discussione avrebbero potuto assumere posizioni in
contrasto
> con quelle del delegato al momento di votare una delibera.
> Non voglio arrivare a dire che lo strumento delle delega vada eliminato,
> però é opportuno scoraggiarne l'uso e, comunque, regolamentarlo. La
> possibilità di servirsi di una delega dovrebbe essere limitata agli
argomenti
> posti all'ordine del giorno, con l'esclusione delle "varie ed eventuali"
> su cui, non conoscendone l'oggetto, é difficile sapere in anticipo quale
> posizione assumere e se é il caso di delegare un'altra persona a
> intervenire nell'assemblea.
> In ogni caso, la modifica dello statuto non dovrebbe poter essere
> deliberata tenendo conto dei voti dati per delega, come invece stava per
accadere
> il 16 marzo. e'assurdo poi che la delega possa essere conferita da
soggetti
> che diventano membri della NA il giorno stesso dell'assemblea e che, molto
> probabilmente ignorano le problematiche relative alle singole delibere.
>
> 3. Articolo 5a. Francamente ne ignoro la ratio. Non vedo per quale motivo
> i soggetti indicati nell'articolo devono avere un trattamento
privilegiato,
> quando molti di essi, disertando regolarmente l'assemblea, mostrano di non
> avere interesse per le vicende della NA.
>
> Saluti,  Mario Pisapia



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe