Stranito dello stupore

Griffini Giorgio grunz a TIN.IT
Mer 21 Mar 2001 01:04:46 CET


Sono perplesso perche vedo aggirarsi dello stupore (e indignazione) su cio'
che sta succedendo. Sara' che me lo attendevo ma non sono
particolarmente meravigliato perche'  mi sembrava abbastanza lineare e
prevedibile che dovesse succedere.  Per dirla chiaramente: la legittimazione
della NA discende esclusivamente dalla RA.  E non e' mai stata una
legittimazione 'forte' e 'contrattuale' ma di FIDUCIA nell'affidare ad un
consesso diverso da quello ove tecnicamente avvenivano le registrazioni la
stesura ed il mantenimento/evoluzione delle regole.
Nel caso non si fosse capito questa fiducia non esiste piu'.
Bisogna prenderne atto e, se lo si ritiene opportuno tentare di capire il
perche' questo sia accaduto (dovrebbe essere facile anche ai non addetti) e,
volendo essere diligenti, cercare di porvi rimedio.
Se invece si preferisce sbraitare, indignarsi, urlare a squarciagola "esistiamo,
quindi siamo" accomodatevi...
Curiosita' della vita, il 'caso' dell'accordo 'Infocamere-RA'  in altri tempi
sarebbe stato accolto con una standing ovation (quando si dovevano inviare
le visure camerali vi ricordate ?)  mentre invece ora viene percepito come uno
'sgarro', o meglio almeno uno 'sgarro' il non aver informato la NA.
<<inciso: non vedo perche' insistere sul problema privacy dei dati visto che
fortunatamente in Italia esiste la 675 e per scrupolo basterebbe fare una
telefonata al Garante, forse il problema accennato da B.Piarulli (simile a
quello di telecom che si e' potuta fare una mappa dell'utenza/ISP grazie al
'Formula Internet' ) e' piu' reale perche' l'antitrust spesso si e' rivelata talvolta
poco 'anti' ma onestamente mi sembra piu' argomento piu' da 'provider' che di
'naming'>>

Per il resto, beh, si sta profilando una situazione in cui da una lieve
'insofferenza' della RA verso una NA che in taluni casi e' andata sopra le
righe si passa ad una situazione in cui 'ben presto' (visti i toni) si andra' allo
scontro esplicito (vedasi i discorsi di azioni legali, imbufalimenti vari etc.)
Il tutto e' tristemente folle e a tratti patetico perche' personalmente ritengo
che la NA, che potrebbe tranquillamente trovare la sua legittimazione nelle
opportune sedi (leggasi Governo , ICANN, EU) tramite il contributo diretto e
fattivo della RA (che in queste sedi e'  "IL" riferimento per il ccTLD .it), sta
facendo l'esatto contrario, arrampicandosi sugli specchi di una ostentazione
virtuosa di rappresentativita'  e con posizioni di netto contrasto...
Ho la netta sensazione che abbiamo superato il punto di non ritorno (mi ci
metto anche io perche' , in un eccesso di benevolenza, forse non mi sono
incazzato con l'opportuna veemenza quando sarebbe stato il caso)  e
adesso, a processo purtroppo irrimediabilmente avviato non c'e' l'umilta'
sufficiente per riconoscere i propri errori.
Si e' perso il senso della misura... e questo mio insistere quasi ossessivo
sta diventando probabilmente ed ormai solo un urlo gridato nel vento ...
...quel vento che sta cominciando 'civilmente' a farmi girare le pale(*) per
l'occasione persa cosi' stupidamente.

(*) una elle sola, come da metafore precedenti

Cordiali saluti
Giorgio Griffini



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe