CENSURA SITO INTERNET

Alessandro Nosenzo nosenzo a IDEA.IT
Mer 28 Mar 2001 18:28:11 CEST


On 28 Mar 2001, at 17:37, Antonio Cilli wrote:
zip zip zip
> Speriamo che le motivazioni siano sufficienti a ignorare lo "stato
> dell'arte", come usa scrivere il legislatore e questo riferimento si valido
> anche per la parte pubblica e non solo per i comuni cittadini.

La rovina di questo millennio sara' l'ignoranza. Pochi soldi alle
scuole e tanti alle televisioni per imbambolare i cittadini facendogli
smettere di usare il cervello.
Il sequestro e' certamente stato impugnato, mi auguro, e
comunque mi pare che nessuna legge consenta la terribile onta di
vedersi il proprio sito modificato d'autorita' (ma quale autorita' puo'
farlo?) con una dicitura che incute solo timore.
Nottetempo possono entrare a casa mia e frugare nel mio
computer armati di mitragliette che non sanno usare e con tanto di
carta bollata che li autorizza. Non credo proprio sia legale cosi'
come non e' legale che il polizziotto o il carabiniere ti fermi fra 100
auto e fermi solo te per un "semplice controllo". Cio' non avviene
nelle democrazie e se in Italia avviene, cosi' come avvengono i
sequestri dei PC, e solo perche' siamo un popolo di imbecilli (parlo
solo di me naturalmente) che non osa mai protestare come invece
sanno fare gli Inglesi ed i Francesi.
Se domani mattina davanti alla Guardia di Finanza di Catania ci
fossero 200.000 persone incazzate forse cambierebbe un po' la
loro arroganza ed abuso di potere.
Come sempre le Autorita' non tutelano il cittadino da un problema
anche grave  creano un rimedio ancora piu' terribile esattamente
come quei delinquenti pistoleri arruolati nelle autorita' che non
esitano a sparare ed uccidere  una persona in motorino che non si
ferma ad un controllo dell'autorita'.
Mi chiedo perche' la RA non sospende la propagazione del nome a
dominio mettendo fine a questa inutile ed ingiusta berlina cui e'
sottoposto il sito prima di un regolare processo (ammesso che ci
sia un regolare processo e non un linciaggio morale).
Se e' l'ordine pubblico che tutti vogliamo (ed io lo voglio
moltissimo), non mi sembra questo il modo per realizzarlo.
Per fortuna c'e' MonteCarlo.
Saluti.

Alessandro Nosenzo



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe