Ipotesi di lavoro

Claudio Allocchio Claudio.Allocchio a GARR.IT
Gio 29 Mar 2001 13:27:53 CEST


Una delle cose fondamentali che dobbiamo in questo periodo ribadire, vista
la situazione che puo' essere sia utile che pericolosissima della campagna
elettorale, e' che la NA e' un organismo "indipendente, rappresentativo
al suo interno di chiunque abbia interesse al buon e corretto funzionamento
della rete Internet in Italia, tecnicamente preparato e competente (a
differenza di moltissimi altri pseudo-forum dove non ci capiscono niente
di niente), e prefettamete in linea con le direttive e gli organismi
internazionali ICANN, CENTR, suggerimenti dell'UE, etc...)"

Dobbiamo anche dare segnali chiari all'esterno: ad esempio con fatti
pratici ("votiamo anche noi elettronicamente come ICANN", abbiamo al
nostro interno utenti, ricercatori ed accademici, utenti, associazioni di
categoria, associazioni del mondo no-profit, e coloro che non sono
rappresentati in altro modo che da noi), e con proposte "concrete" (vedi
un testo di DDL da proporre e passare pubblicamente). Dobbiamo essere
presenti e stimolare i dibattiti pubblici su "come si governa
l'Internet", etc...

Sicuramentente non e' una buona cosa perdere tempo e discussioni su temi
come "chi cerca di controllare la NA e perche'" (non mi sembra molto
produttivo vedere discussione come quelle che ho visto ultimamente del
genere "X sta cercando di mettere la mani sulla NA", oppure "la categoria Y
vuole tenere sotto controllo la NA perche' ha interessi economici da
difendere", o peggio i tentativi di interpretazione di quasiasi cosa
succeda cercando una spiegazione "dietrologa". La NA siamo noi, e tutti
coloro che intendono farne parte dando un contributo ai nostri lavori. Il
nostro scopo e quello di fare norme che rendano i nomi a dominio
utilizzabili in modo corretto, semplice equo per tutti, e di dare
indicazioni e procedure tali per le quali chi ha dei diritti da difendere
li possa far valere, nel modo piu' semplice e rapido possibile. Se X o Y
sono nella NA e' perche' ovviamente hanno interesse che le cose
funzionino, anche perche' si tratta delle loro attivita'. Le MAP sono
state introdotte, ad esempio, non perche' ci sono coloro interessati a
farne il piu' possibile (anche se certo gli farebbe piacere), ma perche'
c'era una direttiva di WIPO e ICANN a riguardo, e perche' e' uno
strumento utile in molti casi. I vari maintainer, provider e relative
associazioni fanno parte (sempre di piu' dalle statistiche d'iscrizione)
della NA perche' con la rete ci lavorano e guadagnano tutti i giorni e
quindi hanno interesse che le normative relative siano il piu' sensate
possibili. Gli accademici ci sono (oltre per il fatto che la rete la hanno
invetanta loro) perche' per poter usare uno strumento che e' fondamentale
nel lavoro della ricerca di ogni giorno, e' necessario che non vi siano
assurde regolamentazioni che impediscono la ricerca, lo sviluppo di nuove
soluzioni, l'uso delle tecnologie, nonche' per fare il loro lavoro di
"technology & knowledge transfer", gli utenti e coloro che non hanno
interessi commerciali ci sono perche' la rete serve anche per scopi non
commerciali, e vi sono applicazioni molto importanti della stessa che non
possono e non devono divenire impossibili perche' le regolamentazioni sono
solo "business oriented" o peggio. La NA non e' qui per favorire gli
interessi di X o Y, ma solo per difendere gli interessi di tutti.

Quindi, teniamo questo come obiettivo, invece di puntare sugli attacchi
da X a Y o tutti contro tutti. Il dibattito puo' prevedere anche gli insulti
(le "penne elettroniche da tirare in testa all'altro" come succede in certe
riunioni "fisiche" non ci sono ancora per fortuna), ma deve essere per il
fine comune, compresi gli errori di ortografia/battitura che faccio
sempre io o simili.

Nel prossimo messaggio, vi inviero' una serie di considerazioni e
"pensamenti" pratici degli utlimi giorni, su cui iniziare a pensare molto
seriamente.

A dopo

Claudio Allocchio



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe