contestazione risolta

Rossi, Pietro prossi a WILLKIE.COM
Mar 8 Maggio 2001 12:33:48 CEST


Egregi dottori,
con la presente sottopongo alla Vostra cortese attenzione la seguente
domanda:
l'art. 14.3, secondo comma, delle regole di Naming (versione 3.4.1) prevede
che "in pendenza di contestazione, la parte che l'ha posta è tenuta a
confermare alla RA almeno ogni sei mesi la propria volontà di mantenere
pendente la contestazione ed il proprio interesse per l'oggetto contestato.
In mancanza, la RA riterrà risolta la contestazione..."
L'art. 14.4, n. 7 prevede invece che la RA considera risolta la
contestazione nel momento in cui "siano trascorsi due anni dal momento in
cui è stata posta la contestazione senza che la parte che l'ha iniziata
abbia ribadito la propria volontà di mantenere la sua contestazione".
Considerato quanto sopra, vorrei chiederVi come si conciliano le due norme
che apparentemente stabiliscono due termini diversi per uno stesso caso. La
questione assume particolare interesse, soprattutto alla luce della
preclusione prevista dall'ultimo comma dell'art. 14.4 "una contestazione
risolta non può essere nuovamente riproposta fra le stesse parti per lo
stesso nome di dominio, a meno che la risoluzione non sia stata risolta ai
sensi dei precedenti punti 9 e 10 di questo articolo.".

Vi ringrazio sin da ora per il Vostro aiuto.
Distinti Saluti

Avv. Pietro Rossi
prossi a willkie.com



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe