punto 13.6 decadenza del diritto per mancato rispetto dei terminiGENTE.IT

svp_crdd_it svp a CRDD.IT
Mer 9 Maggio 2001 09:08:19 CEST


Egregio sig. Cicalo',

> Ai sensi del punto 13.4 la data di inizio della procedura è la data in cui il > titolare del nome ha avuto conoscenza del reclamo, ( data registrata sulla
> ricevuta della raccomandata a me pervenuta circa il 09\04\01 per cui il mio
> invio è stato celere in data 21\04\01 e ricevuto in data 24\04\01, pt
> terrestre. (e mail data 20\04\01)
> Per quanto riguarda eventuali documenti non allegati al modulo elettronico
> essendo la replica circa 100 pagine era stato convenuto che gli allegati
> fossero inviati solo in forma cartacea e che per via elettronica ne fosse
> inviato il sunto, cosa confermata in data 20\04\01 (e mail allegata).

Il saggio puo' essere nominato solo dopo il ricevimento della
documentazione completa, per due motivi: a) perche' per completezza del
contraddittorio replica e allegati devono essere comunque inviati anche
al ricorrente; b) perche' il saggio non puo' valutare la questione in
mancanza della documentazione allegata alla replica. Ribadisco quindi
che i termini sono decorsi a partire dal 24 aprile 2001.

> Le regole di Naming al punto 13.2 dice che chi vuole proporre un ente
> conduttore deve disporre di una struttura organizzativa ben consolidata.
> Tenendo conto della poca conoscenza a mio parere espressa, se la struttura è > ben organizzata e soprattutto è una struttura consolidata la nomina del
> saggio monocratico deve avvenire verbalmente e nei cinque giorni concessi
> dalle regole, se l’ente chiede regole diverse ne è libero però le deve
> rendere visibili sul suo sito cosa non presente in quanto la C.r.d.d. fa capo > alle regole standard di Naming.

Tralascio ogni commento sui suoi gratuiti apprezzamenti circa la nostra
struttura organizzativa.

In ogni caso, proprio per evitare questioni strumentali quali quella che
lei sta ponendo, il nostro ente preferisce nominare i propri saggi per
iscritto e non verbalmente. Essendo stata la nomina effettuata il 28
aprile (nel IV giorno successivo all'arrivo della sua replica in formato
cartaceo), siamo comunque nei termini, indipendentemente dal voler
considerare il termine in giorni lavorativi o correnti.

> Quindi l’invio di una lettera e l’attesa risposta se non previsti da un > apposito regolamento interno sulle modalità di svolgimento sono da ritenersi > non validi e non regolari come da punto 13.2.

Qualsiasi tipo di nomina deve essere accettata dall'interessato. Nel
caso di specie, poi, cio' e' essenziale, in quanto il saggio potrebbe
avre motivi di incompatibilita' e, quindi, declinare la nomina. In ogni
caso, non penso possano essere imputati all'ente conduttore i tempi di
risposta del saggio ed i tempi postali, che nel caso di specie mi
sembrano siano del tutto normali.

> Cosa che ritengo avvallata dalla poca competenza dimostrata; e dalla
> eventuale a questo punto mostrata mancanza di  imparzialità dato che da
> questo momento mi si fa presente mancanze ad oggi mai segnalate,

Non mi sembra siano state segnalate sue mancanze, ma sia lei a supporre
inosservanze delle regole da parte della C.R.D.D. Non vedo poi motivo
per le sue accuse di imparzialita', anche nella denegata ipotesi in cui
i suoi rilievi circa i termini processuali fossero fondati. Chi potrebbe
lamentarsi di una tale cosa sarebbe semmai la ricorrente, e non lei, cui
il dominio rimane comunque intestato.

> inoltre l'e mail di inizio procedura non è a me stata mai notificata, al mio > indirizzo info a stampadigitale.net, perchè a dire del dr. Veglianti da me
> contattato forse era stato errato il top level sull'indirizzo del dominio.

Secondo le regole di naming, la procedura inizia nel momento in cui il
resistente ha notizia del ricorso. Ricorso e allegata documentazione le
sono state inviate per raccomandata spedita il 4/4/2001 da lei ricevuta
il 9/4/2001, come da cartolina di ritorno. Da quella data e' quindi
iniziata la procedura, e in tale data e' stata effettuata alla NA e alla
RA la comunicazione di inizio procedura.

Non comprendo quindi per quale motivo ritiene dovuta una duplicazione
via e- mail, quando ha ricevuto il tutto per posta; e soprattutto, non
comprendo in cosa questa mancanza le avrebbe arrecato pregiudizio.

E con questo penso possa considerarsi chiusa la questione.

La documentazione relativa al procedimento sara' comunque posta a
disposizione del Presidente per i controlli ritenesse necessari.

Distinti saluti,

    dott. Alfredo Veglianti


----------------------------------
CRDD -  Centro risoluzione dispute domini s.r.l.
Via Cavour, 58 - 00184 Roma RM
e-mail: svp a crdd.it



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe