solo riassegnazione? non sono d'accordo Re: Comunicato delComitato Esecutivo n. 33

Roberto Fantini Perullo - Agenzia ANSA roberto.fantini a ANSA.IT
Mer 9 Maggio 2001 11:40:58 CEST


Ho gia' inviato la mia spiegazione prima di leggere questa posta.

Comunque ribadisco che la PDR, non essendo una procedura legale ma
amministrativa, un po' come le decisioni sportive, servono per le casistiche
"di tutti i giorni", proprio per sveltire le cause di recupero di nomi a
dominio registrati "indebitamente". Usare la PDR dovrebbe presumere che il
richiedente voglia il tal nome a dominio, registrato da altro soggetto.
Quindi e' perfettamente inutile prevedere, nelle PDR, la revoca.
La revoca e', come ho detto, gia' prevista nel regolamento, all'articolo 11
e sottopunti relativi, e secondo me la forza decisionale dell'ente coinvolto
nella decisione di revoca e' anche piu' alta, quindi garantisce molto di
piu' di una semplice PDR.
L'eliminazione del punto 9 dell'art. 3 delle procedure di riassegnazione e'
una tappa obbligata: dato che la PDR ha come esito unicamente la
riassegnazione, e' fuorviante che esista un punto che chieda di specificare
il provvedimento richiesto al collegio. Anzi, non capisco come questo punto
fosse presente nel regolamento, cosa che ha finora permesso equivoci
nell'uso delle PDR.
Spero di aver esaurientemente espresso il mio pensiero al riguardo.

A onor di verita', ho espresso piu' volte anche io di spostare la revoca,
addirittura con "blacklisting" del nome a dominio contestato, sotto
l'articolato che regolamenta le PDR ma, per fare cio', e' necessario che le
PDR diventino uno strumento che abbia valore legale, che sia inoppugnabile
dal punto di vista giuridico, e le PDR attuali non hanno questa
caratteristica. E' necessario che questo punto venga governato
dall'arbitrato o dal giudizio ordinario, almeno fino alle prossime regole di
naming.

Ciao a tutti.

Roberto
RFP- ANSA.



----- Original Message -----
From: "Riccardo Roversi" <rroversi a sla.it>
To: "Roberto Fantini Perullo - Agenzia ANSA" <roberto.fantini a ansa.it>;
<ita-pe a NIC.IT>
Sent: Wednesday, May 09, 2001 11:10 AM
Subject: Re: solo riassegnazione? non sono d'accordo Re: Comunicato
delComitato Esecutivo n. 33


> Caro Roberto,
>
> la tua risposta mi pare un po' sopra le righe...
>
> Replicher˛ rivolgendo a te, e agli altri augusti componenti del CE, una
> domanda semplice semplice.
>
> Quale Ŕ la ragione per cui una procedura di riassegnazione non dovrebbe
> potersi concludersi con un provvedimento di semplice revoca ?
>
> Se il ricorrente chiede, per sua libera scelta, la semplice revoca del
> dominio, allora perchŔ mai dovremmo negare l'ammissibilitÓ della misura ?
>
> Io non riesco ad immaginare un motivo...  Me lo potete spiegare ?
>
> Grazie
>
> Riccardo Roversi
>
>
>
>
>
> ----- Original Message -----
> From: "Roberto Fantini Perullo - Agenzia ANSA" <roberto.fantini a ansa.it>
> To: <ita-pe a NIC.IT>
> Sent: Wednesday, May 09, 2001 9:09 AM
> Subject: Re: solo riassegnazione? non sono d'accordo Re: Comunicato
> delComitato Esecutivo n. 33
>
>
> > Non e' possibile...
> > ...Ma veramente state dicendo oppure e' un pesce d'aprile posticipato?
> >
> > Allora: in italiano mi hanno insegnato che il termine "Procedura di
> > Riassegnazione" significa che la procedura in questione coinvolge
l'azione
> > di riassegnare un nome a dominio contestato, e - ma non solo adesso,
> nemmeno
> > prima, insomma MAI in queste regole - la Procedura di riassegnazione era
> da
> > interpretarsi come procedura di revoca. Il caso Mastercard che e'
> diventato
> > un precedente per questa interpretazione, e' un caso fuori regola, non
> > doveva nemmeno esistere.
> >
> > Volete la revoca? Volete veramente la revoca? ve la do' io la revoca,
che
> > c'e' sempre stata ma NON all'articolo 16 bensi all'11:
> > Testuale:
> > "11.3 Revoca a seguito di sentenza o decisione arbitrale
> >
> > La RA revoca l'assegnazione di un nome a dominio a fronte di una
> > decisione arbitrale o sentenza passata in giudicato che stabilisca che
> > l'assegnatario non ne aveva diritto all'uso. Un nome a dominio sospeso
> > non puo' venire riassegnato in uso ad altri se non dopo che sia stato
> > revocato.
> >
> > Un nome a dominio revocato ai sensi del comma precedente e'
> > immediatamente reso disponibile per l'assegnazione ad altri soggetti
> > diversi dal precedente assegnatario, a meno di esplicita indicazione
> > contraria espressa nella decisione arbitrale o nella sentenza."
> >
> > Quindi se volete la revoca, esiste il Comitato di Arbitrazione oppure il
> > giudizio ordinario: si puo' revocare sia CON sia SENZA rimessa in
> > disponibilita' del nome a dominio (se l'arbitrato si pronuncia col
> > "blacklisting" del nome a dominio, il nome viene "blacklisted"...., come
> > previsto dall'ultimo comma del 11.3).
> >
> > Le regole di naming devono funzionare da sole, senza il bisogno di
> ricorrere
> > ogni due-per-tre alle PDR (Procedure di Riassegnazione, ripeto): e' come
> > un'automobile, deve marciare senza problemi, non facendo intervenire il
> > meccanico ogni trecento chilometri.... So bene che l'affare delle MAP
> poteva
> > essere interessante, ma un regolamento deve funzionare a prescindere dai
> > metodi adottati per dirimere le dispute, non vincolandosi ad esse in
> maniera
> > troppo stretta secondo me.
> >
> > Sappiamo tutti benissimo che il regolamento andra' riscritto (ora sara'
da
> > vedere se riscritto in toto oppure si riesce a salvare qualcosa di
> questo):
> > e' senz'altro auspicabile che al prossimo giro saranno disponibili anche
> le
> > revoche con e senza blacklisting, assenza della LAR e altre amenita' del
> > genere. Per il momento, con il regolamento che c'e ora, questo e' il
> massimo
> > che si puo' fare.
> > Se vi piace mettere i bastoni tra le ruote al Ce (che ha un casino di
cose
> > da fare come ben sapete, e la pioggia di proposte formali arrivata la
> volta
> > scorsa ci ostacola molto nelle priorita' che abbiamo) fate pure
richiesta
> di
> > veto...
> >
> > Per il momento vi saluto.
> >
> > Roberto Fantini Perullo - ANSA.
> >
> > (PS: leggetevele, le regole.... Finche' sono in vigore!)
> >
> >
> > ---- Original Message -----
> > From: "Marcello Piacentini" <mp a CRDD.IT>
> > To: "Claudio Allocchio" <Claudio.Allocchio a GARR.IT>; <ita-pe a NIC.IT>
> > Sent: Tuesday, May 08, 2001 4:40 PM
> > Subject: Re: solo riassegnazione? non sono d'accordo Re: Comunicato
> > delComitato Esecutivo n. 33
> >
> >
> > Claudio Allocchio ha scritto:
> > >
> > > > Mi sembra che la lista non abbia discusso a sufficienza un argomento
> > cosi'
> > > > delicato, salvo che io non mi sia perso il dibattito, nel qual caso
me
> > ne
> > > > scuso.
> > >
> > > ... chiedo scusa ma li lista ne ha discusso molto a lungo ed il CE ha
> > > preso la decfisione che wembrava emergere dalla maggioranza della
> > > discussione in lista.
> >
> > Non mi sembra che il CE abbia preso atto della discussione che si e'
> > verificata in lista. La maggioranza delle opinioni era a favore della
> > possibilitaÓ di revoca, ma il Ce non ne ha tenuto conto.
> >
> > Saluti,
> >
> > Marcello Piacentini
> >



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe