R: solo riassegnazione? non sono d'accordo Re: Comunicato delComitato Esecutivo n. 33

Lapo Sergi quixe a QUIXE.COM
Mer 9 Maggio 2001 12:37:56 CEST


> La revoca e', come ho detto, gia' prevista nel regolamento, all'articolo
11
> e sottopunti relativi, e secondo me la forza decisionale dell'ente
coinvolto
> nella decisione di revoca e' anche piu' alta, quindi garantisce molto di
> piu' di una semplice PDR.

Su questo non sono d'accordo: se fossimo lo Stato il Comitato di
Arbitrazione sarebbe annoverato tra i famosi Enti Inutili (fortunatamente
non costoso).
Che abbia un valore "formale" di legittimazione della clausola arbitrale,
peraltro non obbligatoria dunque sottoscritta solo dai polli, l'ho capito
pure io, dopo mail e mail di coloro che hanno messo in piedi il meccanismo
arbitrato / arbitrazione prima dell'avvento delle PDR.

Ma, ribadisco, un "coso" che in due anni ormai di vita ha avuto un solo
soggetto che ha chiesto il suo intervento (l'Oreal) per 2 domini e la
contestazione si è oltretutto estinta prima del termine non si può definire
un organismo autorevole ed efficente, e perdipiù è vincolato alla
sottoscrizione di una clausola che a nessuno (specialmente agli squatters)
conviene sottoscrivere.

Non tappiamoci gli occhi di salame, c'è gente  in lista   (non faccio nomi
perchè non li ricordo)  che ha attribuito il basso livello di intervento del
CDA e delle MAP sintomo di "bassa litigiosità" degli italiani sui nomi a
dominio!

Balle! Ricorrono nulla al CDA e poco alle MAP perchè c'è intorno un gran
casino (scusate lo sproloquio), abbiamo fatto un tale macello da rendere la
giustizia "made in NA" qualcosa di risibile ed inaffidabile, un tale fragile
catsello di postille, postilline ed ambiti di intervento delimitati da
barriere erte (spesso artatamente) a difendere questo o quel principio!

Risultato: lo sapete qual'è il metodo di risoluzione delle controversie più
gettonato in Italia?

Il giudice ordinario? No, troppo lento ed imprevedibile (anche se sta
migliorando...) ideale però per i casi ostinati (tipo la famosa purga).
Le PDR? Inutili, tranne nel caso Major Internazionale con tutti i diritti
contro piccolo squatter disorganizzato.
Il CDA? Cos'è? ;-) Tanto chi fa squatting mica la sottoscrive la clausola di
arbitrato....

LA TRATTATIVA PRIVATA
Bel risultato, eh?
Magari i fautori del libero mercato sono contenti, la realtà è che noi non
garantiamo un bel nulla a chi possiede un diritto acquisito (privato
cittadino o grande azienda che sia).
Possiamo farci i complimenti, prima che ce li faccia (a questo punto)
Berlusconi! ;-)
Fino a 15 milioni (mi diceva un tale) conviene comprarlo il dominio.
A pensarci bene è vero: fermata l'inutile PDR con una notifica di atto
giudiziario, tra tempi lunghi ed esiti incerti il sistema migliore è quello.

> L'eliminazione del punto 9 dell'art. 3 delle procedure di riassegnazione
e'
> una tappa obbligata: dato che la PDR ha come esito unicamente la
> riassegnazione, e' fuorviante che esista un punto che chieda di
specificare
> il provvedimento richiesto al collegio. Anzi, non capisco come questo
punto
> fosse presente nel regolamento, cosa che ha finora permesso equivoci
> nell'uso delle PDR.

Te lo dico io: perche le MAP di ICANN a cui ci siamo ispirati, salvo poi
farne la solita versione italiota, lo prevedono.
D'altronde non esiste il CdA per i com/net/org. E nemmeno la clausola
arbitrale. Nemmeno la LAR, a dirla tutta.
Eppure queste regole gestiscono 31 milioni di domini intorno ai quali
sorgono contestazioni, casi più complessi di quanto possiamo immaginare,
interessi stratosferici. Noi ne gestiamo 400,000. E non vogliamo imparare
nulla.
Non si tratta di differenze tra visioni giuridiche, common law etc. , si
tratta di volontà di mettere in piedi un sistema credibile di giustizia
alternativa e sostenerlo.
Cosa che NOI ci guardiamo bene dal fare, nonostante il rischio di
delegittimazione a cui siamo andati ed andremo nuovamente incontro.

Continuiamo così, a crederci bravi, a crederci più autorevoli di
un'assemblea studentesca .... (d'altronde se chiediamo ad un'assemblea
studentesca se si sente un'assemblea studentesca, ci verrebbe risposto di
no, siamo il Comitato per la Liberazione Studentesca, altresì detto "la
pantera" ;-)

Mi sono opposto al veto, nonostante che pure il server di ITA-PE sappia che
sono favorevole alla revoca, non perchè sia convinto che il CE abbia agito
bene, ma perchè, guardando oltre, non voglio che ci troviamo di fronte ad un
altro vuoto di potere dimostrando una volta ancora la nostra incapacità ad
autogovernarci.

Rendiamoci autorevoli, possiamo farlo. Cominciamo o no a mettere mano allo
statuto??

cordiali saluti

Lapo Sergi



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe