FUD

Wincom ariosto a WINCOM.IT
Mer 16 Maggio 2001 16:05:42 CEST


At 10.39 15/05/01 +0200, chiari mario wrote:
>Hi,
>
>il principio sottostante a consentire la MAP anche al solo fine della
>revoca non  semplicemente quello che anche se a me non me ne importa
>proprio nulla di Internet, odio il web, non capisco il DSN  e me ne frego
>della commutazione di pacchetto, mantengo comunque il diritto a che nessuno
>(a parte forse omonimi) usi (o almeno abusi) del mio nome registrando, per
>esempio, www.mario-chiari-fa-schifo.it?

Per impedire una successiva utilizzazione, esistono solo due modi:
1) Attivare una PDR, registrarsi il nome a dominio e "chiuderlo nel cassetto";
2) Chiedere al giudice (o al comitato di arbitrazione, se il registrante ha
firmato la clausola arbitrale) di revocare il nome a dominio e renderlo
indisponibile per tutti.

Regole di naming v. 3.5 art.11.3 - Revoca a seguito di sentenza o decisione
arbitrale
La RA revoca l'assegnazione di un nome a dominio a fronte di una decisione
arbitrale o sentenza passata in giudicato che stabilisca che l'assegnatario
non ne aveva diritto all'uso. Un nome a dominio sospeso non puo' venire
riassegnato in uso ad altri se non dopo che sia stato revocato.
Un nome a dominio revocato ai sensi del comma precedente e' immediatamente
reso disponibile per l'assegnazione ad altri soggetti diversi dal
precedente assegnatario, a meno di esplicita indicazione contraria espressa
nella decisione arbitrale o nella sentenza.

Una PDR non pu rendere definitivamente indisponibile a chicchessia un nome
a dominio!


Cordiali saluti.
Gian Carlo Ariosto

  /*\  .. . . . . . . . . . . . .
  \ / . ASCII Ribbon Campaign .
   X .- NO HTML/RTF in e-mail .
  / \ .- NO Word docs in e-mail.
/   \ .. . . . . . . . . . . . .



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe