FUD

Ettore Panella box a STARNET.IT
Mar 15 Maggio 2001 12:56:00 CEST


>La teoria del complotto !

forse sarebbe il caso di uscire da questo vicolo cieco. Prendiamo atto che
esistono due anime nella NA i tecnici ed i giuristi. entrambi i gruppi
hanno cultura diversa, interessi diversi, idee diverse. Spesso piu' che
diversi i due gruppi sono inconciliabili pero' sono costretti a convivere.

I tecnici hanno un grande interesse tutto deve funzionare come un orologio
svizzero non come nel mondo reale dove non funziona niente.
I giuristi hanno un grande interesse, vi deve essere correttezza formale
anche a scapito dell'efficienza, in poche parole che il mondo virtuale
ricalchi qualcosa del mondo reale.
per noi abituati allo 0 e all'1 e' difficile ammettere che tra 0 e 1 vi
siano infiniti numeri (ovvero interpretazioni, formalismi ecc.)

Premesso che
se un impresario di pompe funebri vede una persona in bilico su un
precipizio puo' fare due cose
a) da una spinta per guadagnare poi col funerale
b) aiuta il poveretto a recuperare una posizione piu' sicura e perdere i
soldi del funerale (almeno posticiparli)

la scelta tra a e b non e' obbligata ma dipende dai valori e dalla
sensibilita' oltre che dall'interesse economico, quindi quando qualcuno fa
delle scelte non e' detto che sia mosso solo da puro interesse economico
Forse ho usato un esempio infelice ma spero di aver reso l'idea.

Una volta accettato la nostra diversita' senza bisogno di complotti o
congetture di altri tempi veniamo al tema del contendere

Perche' io sono contro la revoca?

a)Perche' produce casino,
b)perche' secondo me il dominio e' una risorsa internet paragonabile ad un
indirizzo di una strada e non e' un marchio,
c)perche' per me e' assurdo non poter o voler registrare un dominio ma
impedire ad un terzo di farlo,
d)perche' due secondi dopo che un dominio e' stato registrato puo' essere
riregistrato da un parente amico o conoscente del vecchio proprietario
creando un circolo vizioso,
e)perche' non mi piace l'idea delle black list,
f)perche' con due milioni(spiccioli per le grandi aziende) una
multinazionale potrebbe far togliere un dominio ad una piccola azienda
concorrente su un mercato di nicchia, far mettere il dominio in black list
e quindi di fatto togliendole un valore economico, costringere quindi
questa piccola azienda a spese legali serie ricorrendo alla magistratura
ordinaria e quindi approfittare delle difficolta' per acquisire l'azienda a
prezzi stracciati, come sta accadendo sempre piu' spesso nel mondo internet
dove i tribunali i monopoli ed i governi con una manovra a tenaglia stanno
annientando e fagocitando le realta' migliori a vantaggio dei giganti dai
piedi di argilla creati in borsa.

la f non e' il mio principale motivo di opposizione alla revoca pero'
quella descritta e' una situazione che mi fa inc......

per quanto riguarda i domini offensivi tipo scemotopolino.it penso che piu'
di una map per togliere il dominio sarebbe utile una causa per
diffamazione, anche perche' il dominio scemotopolino verrebbe sostituito
subito da cretinotopolino.it e cosi' via e poiche' i termini offensivi non
si contano dovremmo censirli e metterli tutti in black list.  sarebbe poi
curioso capire se sussistono i motivi della diffamazione, perche' se digito
scemotopolino vuol dire che condivido il contenuto del sito altrimenti
perche' avrei dovuto cercarlo.


>
>Un omogeneo gruppo di interesse (forti interssi) starebbe tramando per
>orchestrare una ben congeniata manovra (ad iniziare dal caso IP) per
>boicottare la scelta di impedire possibilitÓ di scegliere la revoca
>quale possibile esito di una PDR. Tale pericolosa manovra, caldeggiata
>dagli Enti Conduttori, la CIA e Opus Dei, mira a minare le basi della
>fragile NA, unica authority a livello planetario ad avere le idee chiare
>e nota (ma solo in certi ambienti) per aver corretto un pericoloso
>cavallo di Troia......
>Un'attenta analisi delle fasi in cui si articola tale piano rileva che
>la mano che redige i testi (e li inoltra alle varie personalitÓ posticce
>che hanno solo il compito di diffondere la menzogna) Ŕ la stessa che ha
>progettato le Piramidi, ha premuto i grilletti a Dallas e allestito
>l'Area 51.
>
>Desidero che nelle norme sia presente la revoca perchŔ ci˛ garantisce al
>richiedente una maggior libertÓ, perchŔ Ŕ nelle cose (esendo il
>trasferimento una revoca e una nuova registrazione), perchŔ tale
>possibilitÓ Ŕ presente nelle regole adottate da altri ccTLD e gTLD,
>perchŔ viviamo su un unico pianeta, perchŔ mi interessa che le nostre
>regole siano giuste e coerenti, perchŔ decidere di limitare l'arbitrio
>di altre persone, in situazioni che nemmeno possiamo immaginare Ŕ
>essenzialmente stupido, e quindi mi piace di pi¨, si, caro
>Maurizio......
>
>E siccome sto chiedendo un veto ad una precisa azione, la rimozione
>della revoca dalle nostre regole (sae non fosse mai esistita, perchŔ
>cancellarla?) chiedo di conoscere i motivi di chi la pensa diversamente
>da me. A tale richiesta (che non Ŕ la dase due di nulla), mi viene
>risposto in modo fumoso, farraginoso, senza costrutto, addirittura
>dicendo che tale risposta Ŕ giÓ stata data.
>
>Tale risposta non arriva, il veto non verrÓ posto, e quindi non esisterÓ
>la possibilitÓ di revoca.
>
>E questo dovrebbe dimostrare che la NA ha ragione di essere, dovrebbe
>servire a aumentare il nostro prestigio, dovrebbe evitare che la
>prossima versione delle regole sia scritta da una commissione
>ministeriale ?
>
>Non Ŕ indispensabile essere d'accordo su tutto, ma credevo che il
>principio della serietÓ fosse universale.....
>
>Paolo Zangheri
>
>Maurizio Codogno wrote:
>>
>> On Mon, 14 May 2001 16:54:52 +0200
>> Paolo Zangheri <paolo.zangheri a ALTAIR.IT> wrote:
>>
>> > Maurizio Codogno wrote:
>> > > ad essere pignoli, non ho trovato la parola "cancellation" in
>> > > http://www.icann.org/udrp/udrp-rules-24oct99.htm .
>> >
>> > GiÓ. perchŔ tu cerchi tale parola nelle regole che riguardano lo
>> > svolgersi della risoluzione della disputa.
>>
>> qui stiamo cambiando le carte in tavola da un pezzo.
>> Chi sta chiedendo il veto sulle norme che ribadiscono che la cancellazione
>> non e` ammissibile nella PDR ha parlato di illegalita` della norma
>> e simili.
>> La seconda fase e` stata "trovate un motivo per cui sia nocivo avere una
>> cancellazione" (compreso appunto la volonta` presunta di avere
>> cancellato delle frasi apposta traducendo le procedure...),
>> il che non e` poi molto diverso.
>>
>> Ditelo, che voi volete la cancellazione "perche` vi piace di piu` cosi`"
>> (dato che in ogni caso lo scopo della PDR rimane lo stesso) ed
>> evitate di avocare chissa` quale ragione legale per affermare che
>> quella e` l'unica lecita cosa da fare.
>>
>> .mau.
>
>
______________________________________________________


______________________________________________________



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe