Silenzio assenso: pensiamo ad altro.

Enzo Fogliani fog a FOG.IT
Gio 17 Maggio 2001 15:15:33 CEST


Il nostro statuto prevede che il presidente possa porre il veto alle
decisioni del CE. E' un potere del tutto discrezionale.

In passato, la prassi adottata dal presidente e' apparsa quella di
seguire l'opinione della maggioranza di chi si era espressamente
dichiarato sulla questione; o, per meglio dire, la decisione
DISCREZIONALE del presidente ha sempre coinciso finora con questo
criterio).

Il presidente e' libero, a norma di statuto, di porre o non porre il
veto. Nel caso della revoca nelle MAP, nella sua opinione non si
rinviene la coincidenza che si e' rilevata in tutti i casi precedenti.

E' inutile quindi discutere di silenzio assenso, e altre cose del
genere. Se non altro perche', se il potere di veto non fosse
discrezionale, il presidente dovrebbe spiegare anche per quale motivo,
essendo rimasto lo statuto identico, egli abbia ritenuto oggi di
discostarsi dalla prassi seguita in precedenza.

Il presidente ha un potere discrezionale e la sua decisione sul veto e'
politica, come politiche sono le decisioni del CE. Oggi il presidente ha
esercitato tale suo potere politico discrezionale schierandosi
chiaramente su una posizione.

E' un modo di esercizio del potere di veto del tutto lecito e legittimo,
e come tale deve essere rispettato, salva la responsabilita' "politica"
che chi crede potra' far valere in futuro, votandolo o non votandolo
alle prossime elezioni.

Direi quindi che e' meglio, per chi si fronteggia nella discussione da
entrambe le parti, occuparsi di cose piu' producenti; quali, per
esempio, suggerire per il prossimo statuto meccanismi per i quali il
veto del presidente non sia discrezionale, ma sia tenuto a rispettare la
volonta' di chi si e' espresso in lista.

Buon lavoro a tutti,

    Enzo.


-------------------------->>>  <<<--------------------------
Avv. Enzo Fogliani, via Prisciano 42, 00136 Roma
Tel.:  +39-06-35346935; Fax:  +39-06-35453501
http://www.fog.it/enzo - E-Mail: fog a fog.it



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe