A chi appartengono i paesi? (germania.it e portogallo.it)

Stefano Trumpy Stefano.Trumpy a IAT.CNR.IT
Lun 26 Nov 2001 14:49:29 CET


At 11:07 +0100 11/24/01, Quixe wrote:
>Dopo un periodo di assenza - e confesso anche di disinteresse di quanto era
>(non) discusso in lista ITA-PE, torno volentieri a dare il mio contributo.
>
>Uno dei problemi principali (ma non  vorrei sembrare qualunquista)
>dell'attività degli Enti Conduttori (ricordo ai nuovi che ne sono parte in
>causa) è stato quello che talvolta i saggi chiamati a giudicare non si sono
>limitati ad applicare le Regole di Naming ma hanno preteso di interpretarle
>e talvolta snaturarne i principi ispiratori.
>
>Trovo che in lista si faccia altrettanto, non progredendo dal punto in cui
>si è rimasti ma talvolta minando i principi delle Regole di Naming dalle
>basi. Discutere è costruttivo, sono d'accordo, ma per fare una rivoluzione
>dalle basi delle regole di naming, credo sia ormai troppo tardi.
>
>Questo caso, ad esempio, c'è da discuterne?
>Io direi proprio di no.
>
>germania.it e portogallo.it non sono nomi gegrafici riservati.
>
>Quindi se c'è una contestazione (e se è da risolvere tramite PDR) bisogna
>semplicemente esaminare le tre condizioni
>
>Sambucci ha diritto al nome?
>Chi glielo contesta ne ha?
>Sambucci lo ha registrato in malafede?
>
>Tutto il resto è fuori dalle regole di naming, dunque è aria fritta, almeno
>per ora.
>Se poi - morta la NA - si imporranno altri principi .....
>..... ad esempio quello appena esposto da Bruno Piarulli ispirato all'occhio
>per occhio - se l'ente del turismo italiano ha registrato italien.de allora
>quello tedesco può registrare germania.it o viceversa - ....  ossia, in
>poche parole:  mai essere più fessi degli altri ccTLD!!... ;-)
>
>saluti a tutti
>
>Lapo Sergi

Salve, ho seguito la questione dei country names; la cosa viene presa 
seriamente da ICANN, con input anche dal Governemental Advisory 
Council, almeno per quanto riguarda il ".info".

http://www.icann.org/montevideo/action-plan-country-names-09oct01.htm

Si veda in attachment anche la posizione del GAC.

Anche la UE si accinge a varare delle direttive in proposito per 
quanto riguarda il ".ue"; pertanto ci si puo' aspettare che in un 
futuro prossimo la registrazione dei country names non verra' 
lasciata alla libera iniziativa neppure negli altri TLD.

Stefano Trumpy
-------------- parte successiva --------------
Un allegato non testuale è stato rimosso....
Nome:        GAC_to_NC_Dot_Info_final.doc
Tipo:        application/msword
Dimensione:  130048 bytes
Descrizione: non disponibile
URL:         <http://listsrv.nic.it/pipermail/ita-pe/attachments/20011126/ad5302f0/GAC_to_NC_Dot_Info_final.doc>


Maggiori informazioni sulla lista ita-pe