futuro registro .it

l.albertini avv.albertini a LIBERO.IT
Ven 21 Set 2001 17:20:22 CEST


> (...) E, comunque, mi pare preferibile l'attuale assetto dei due
organismi.
> Saluti
> > Avv. Simone GRisenti

Precisato che non mi occupo tutti i giorni di internet come molti di
voi (almeno così mi sembra), concordo con grisenti.
La costituzione in due organismi, reciprocamente indipendenti sia in
linea di diritto che di fatto (quindi anche finanziariamente, ad es.),
uno deputato a creare le regole e l'altro ad applicarle, mi pare
meccanismo assai più trasparente di quello dell'organismo unico che
svolga entrambe le funzioni (sul principio della separazione dei poteri
abbiamo sentito parlare sin dal liceo). In quest'ultimo caso, infatti,
sorgerebbero probabilmente prima o poi forti sospetti sulla neutralità
dell'operato dell'ente.
Soprattutto nel primo ente (che crea le norme, ma anche nel secondo,
perchè no?) dovrebbe poi auspicarsi la partecipazione più ampia e
rappresentativa possibile dei soggetti interessati al tema, e non solo
di alcune categorie (solo providers, come mi pare di avere letto!!).
Scusate poi un modesto appunto. le regole non sono un fatto secondario
e meramente tecnico (con accezione riduttiva, in quanto concernente il
solo profilo procedurale o simili) rispetto ai grandi principi
info/telematici che dovrebbero ottenere tutta l'attenzione degli
intellettuali del settore, come mi pare di desumere da alcuni msg.
passati.
le regole sono invece molto importanti, decisive, non nascondiamocelo,
sicchè tanto vale dedicarvi da subito risorse non modeste (al limite
dando formale incarico retribuito a dei giuristi , se i bilanci lo
permettono) per non trovarsi poi a modificarle ogni 4/5 mesi, come è
stato fatto sino ad ora.
con l'augurio di una discussione pacifica e costruttiva.
lorenzo albertini  vr

PS: nel messaggio di denoth da me ricevuto non c'era l'allegato ivi
indicato.



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe