Il Policy Advisory Board

Alessandro Nosenzo nosenzo a IDEA.IT
Ven 21 Set 2001 17:42:46 CEST


L'attuale CE (prima delle ultime dimissioni) aveva una forza di 5 su
8 pro RA.
Se vuoi faccio i nomi ma basta leggersi i verbali per capirli.
Inoltre appoggiare la RA non e' ancora un "reato federale" quindi e'
una posizione piu' che legittima di qualsiasi membro del CE.
Il fatto che finora non sia stato approvato il nuovo statuto, che
doveva solo prevedere la possibilita', oggi mancante, di gestire il
denaro, conferma che la maggioranza del CE non e' favorevole ad
un'autonomia della NA.
Se ancora il documento RA non e' stato approvato e' dovuto al fatto
che contrariamente a cio' che si possa pensare nel CE si lavora e
si discute onestamente ed inoltre la RA vuole ottenere i suoi scopi
come nostra gentile concessione e non come imposti dall'alto.
Per il resto la RA fa cio' che gli pare e nemmeno applica
completamente le regole della NA (si veda il caso mastercard per
esempio).
Una cosa e' certa grazie alla buone regole della NA oggi il TLD .it e'
uno fra i migliori registri del mondo ed una parte di questo merito e'
probabilmente anche della RA.
Saluti.


Alex Nosenzo

On 21 Sep 2001, at 17:16, Maurizio Codogno wrote:

> > Da: Alessandro Nosenzo <nosenzo a idea.it>
>
> > Ma signori cari mi sembra una lista di marziani.
> > Dove eravate quando l'Assemblea ha eletto il nuovo CE?
> > E' chiaro che la RA, con varie discutibili tecniche simili a quelle
> > che hanno visto gli USA finanziare Saddam e altri, ha la maggioranza
> > nel nuovo CE e quindi decide cio' che la RA vuole.
>
> Alex,
> se la RA avesse davvero la maggioranza nel CE le nuove
> regole sarebbero già state approvate. Magari non in vigore,
> perché la NA tutta si sarebbe ribellata, ma comunque ci
> sarebbe stato qualcosa di visibile. Non trovi?



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe