a.a. Dc. Procedure e hotelmerano.it

Daniele Cical ò info a IOCISONO.IT
Lun 29 Apr 2002 15:31:30 CEST


Ho letto i vari commenti su Hotelmerano.it, mi ero ripromesso di non
intervenire più visto che il metro usato nelle procedure è difficile da
comprendere e i commenti sono ignorati.
Nelle procedure si fà sempre riferimento ad un utilizzo del metro legale
sulla applicazione dei vari diritti in essere.
Le procedure sono nate non  come anticamera del tribunale, ma non per
sostituirlo ed evitarlo.
I parametri di applicazione erano tre e vincolanti quindi fuori da questi
parametri vincolati fra loro sarebbe cosa buona e giusta demandare il
giudizio in altra sede e non mettersi al di sopra delle parti e decidere.
E COMINCIARE A RIGETTARE I PROCEDIMENTI
Ci sono stati vari casi in cui gli arbitri hanno valutato in maniera non
omogenea e questo a danno sempre di titolari di domini, che si devono poi
assumere i costi di difesa per recuperare un proprio "bene" (il dominio).

Si dice che l'ente risponde solo in caso di grave colpa, cosa si intende
per grave colpa??
Che l'arbitro dica è mia colpa grave!

Io non sono contrario alle procedure lo ripeto per l'ennesima volta, ma se
le volete imporre, PRIMO RISPETTATE VOI LA LEGGE e non fatele subire a chi
ha contratto la lettera di AR. prima dell'entrata in vigore delle regole di
naming  ( 15\08\01) con la modifica da voi usata per far subire le
procedure.

Credo nella mia profonda ignoranza che già il non comunicare la possibilità
di non subirla in quanto non sottoscritta ( cosi credo preveda il codice in
materia di contratti modificati in corso d'essere)sia una colpa grave,
e DI QUESTO NON HO MAI AVUTO RISPOSTA cosa CHE GRADIREI.( su cosa vi
appellate per imporle a chi non le ha firmate).

Si dice che l'arbitro non deve fare accertamenti in materia di verifica, io
vivo di ricerche in rete, (surfer) e individuare, come è stato fatto
presente, la titolarità dell'Hotel Merano  tramite il titolare su
infoimprese.it è stata cosa di 5 secondi.
Questa mancanza è ho letto giustificata a fronte di una linea di
applicazione della legge in un tribunale non sarebbe stata comunque univoca
come è inappellabile il giudizio di una procedura.
Si può evvero fare opposizione tramite apertura di un procedimento legale,
vero per un avvocato non ha costi, per uno che deve pagare gli avvocati si.

Quindi oggi le procedure hanno omologato un FALLIMENTO, passando il nome
legalmente registrato da una persona che credo non avesse per date visibili
aderito alle procedure, ad un FURBO che ha senza spendere una lira si è
legalmente impossessato di un progetto già avviato in rete, con danno solo
di chi l'ha subita (il legittimo titolare del dominio) e come più volte
ribadito dai vari arbitri a fronte della miseria che viene riconosciuta
loro.
Già al tempo avevo sollevato la mancanza di una linea di uso delle
procedure fra i vari organi preposti, ora chiedo che dopo questo ennesimo
fiasco vengano ELIMINATE e chi vuole visti riconosciuti i suoi diritti si
rivolga ai giudici di pace che sono anche credo più economici.
Cordialmente vostro Daniele Cicalò 338 43 55 672



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe