a.a. Dc. Procedure e hotelmerano.it

Alessandro Nosenzo nosenzo a IDEA.IT
Mar 30 Apr 2002 13:25:59 CEST


Ci risiamo.
Il problema consiste nel fatto che Lei Cicalo' non e' affatto interessato a discutere seriamente di questi argomenti ma solo a fare una
sorta di borbottata scritta simile a quella che i vecchietti nei paesini fanno verbalmente dopo una bella bevuta.
Se Lei davvero non conosce la differenza fra colpa e colpa grave, o fra colpa e dolo, se davvero come ci fa credere, non conosce in
cosa consista una procedura amministrativa, se davvero ci vuole far credere che Lei non sia mai stato in un Tribunale a vedere come
lavorano i Giudici, allora direi che la discussione e' del tutto inutile mancando del tutto le basi minime necessarie.
Inoltre La esorto ad andare alle udienze tenute dai Giudici di Pace (ma per favore), che Lei ritiene tanto bravi, poi forse cambiera'
opinione.
Si ricordi che in questo Paese mentre i signori Giudici (compresi i Giudici di Pace) rifiutano qualsiasi responsabilita' civile (sia per
colpa che per colpa grave) ci sono enti conduttori e saggi che invece si assumono le proprie responsabilita' lavorano meglio e di piu'
ed a costi di gran lunga inferiori ai Giudici.
Rimanga felice della Sua opinione ed anche noi ci uniremo a Lei nella frase tipica: "piove, governo ladro".
Infine prima di citare per danni la NA La invito a non pubblicare il Suo numero di cellulare in calce ai messaggi che, come dovrebbe
sapere, sono visibili da chiunque tramite il sito web della NA.
Saluti.


Alessandro Nosenzo

On 29 Apr 2002 at 15:31, Daniele Cical wrote:
> Ho letto i vari commenti su Hotelmerano.it, mi ero ripromesso di non
> intervenire pi visto che il metro usato nelle procedure  difficile da
> comprendere e i commenti sono ignorati.
> Nelle procedure si f sempre riferimento ad un utilizzo del metro legale
> sulla applicazione dei vari diritti in essere.
> Le procedure sono nate non  come anticamera del tribunale, ma non per
> sostituirlo ed evitarlo.
> I parametri di applicazione erano tre e vincolanti quindi fuori da questi
> parametri vincolati fra loro sarebbe cosa buona e giusta demandare il
> giudizio in altra sede e non mettersi al di sopra delle parti e decidere.
> E COMINCIARE A RIGETTARE I PROCEDIMENTI
> Ci sono stati vari casi in cui gli arbitri hanno valutato in maniera non
> omogenea e questo a danno sempre di titolari di domini, che si devono poi
> assumere i costi di difesa per recuperare un proprio "bene" (il dominio).



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe