proposta obbligatorieta` abuse@<nomedominio.it>

Ettore Panella box a STARNET.IT
Mar 27 Ago 2002 12:58:19 CEST


scusatemi se irrompo nella discussione su abuse in modo grossolano pero' il
problema grosso che mi sto trovando ad affrontare e' che arrivano mail spam
di siti porno con indirizzo mittente di qualche mio cliente, addirittura mi
arriva spam con il mio indirizzo ovvero come se mi fossi mandato da solo lo
spam (altro che schizzofrenia, questa e' roba da manuale psiachiatrico :-).
L'utente che riceve lo spam si lamenta con il proprietario dell'indirizzo
che a sua volta mi chiama indignato per il danno che riceve alla sua
immagine. Credo onestamente che un abuse a nomedominio.it  sarebbe solo un
modo per ingenerare confusione e mandare avvisi alla persona sbagliata.
Per ogni abuso purtroppo c'e' bisogno di una istruttoria precisa fatta da
gente competente a cui demandare poi il compito di avvisare l'admin-c del
dominio.
Secondo me stiamo lavorando nella direzione sbagliata.

ciao




> ciao,
>
> On Tue, 27 Aug 2002, Control C wrote:
>
>> fanno implicitamente emergere a fuoco un ALTRO grumo di problemi.
>> Quanti utenti sono effettivamente in grado di correttamente segnalare
>> l' abuso? Quanti fra una qualche milionata di titolari italiani di
>> casella di posta elettronica, quanti fra i settecentomila titolari di
>> nome a dominio .it?
>
> la proposta dell'obbligatorieta` di abuse@<nomedominio.it> non e`
>sicuramente la soluzione di tutti i mali (e non lo vuole essere), ma
>puo` essere un piccolo aiuto a semplificare la procedura per segnalare
>gli abusi
>
> io penso che abuse@<nomedominio.it> debba essere gestito direttamente
> dall'assegnatario del dominio, che, nel 99% dei casi e` in buona fede e
> non e` un abuser professionista; l'indirizzo abuse@ non deve essere
> visto come un obbligo, ma come una risorsa per ricevere segnalazioni
> IMPORTANTI per risolvere problemi del proprio network!
>
> tra l'altro, ammeso che si decida di renderlo obbligatorio, si potrebbe
> fare anche una "campagna pubblicitaria" per dire a tutti che posono
> segnalare gli abusi ai vari abuse a domino (non serve investire soldi,
> basta comunicarlo alle varie agenzie, giornali (online e non) e magari
> scrivere una qualche paginetta di istruzioni su
> www.nic.it/NA/qualchecosa, magari preparando qualche banner che
> potrebbero essere pubblicati gratuitamente da chi e` sensibile al
> problema
>
>> C'e' bisogno di un servizio c*e*n*t*r*a*l*i*z*z*a*t*o di cultura,
>> supporto, archivio e gestione.
> APPROVO!
>
>> Rimane mia opinione che si debba mettere intorno ad un tavolo il Nic
>> assieme a:
>> http://security.fi.infn.it/
>> http://www.cert.garr.it
> non solo loro, ma anche tutte le persone sensibili all'argomento e
> interessate a dare il proprio contributo a migliorare la Internet
> Italiana!
> aggiungerei ita-pe, la mlist abuse-people, e tutti gli "uomini (e
> le donne) di buona volonta`"!
>
> questa task force sarebbe bello che come prima cosa potesse inventare
> un "codice deontologico" con delle guideline semplici e univoche da
> utilizzare per la gestione degli abusi
>
>> C'e' bisogno di UNA limpida interfaccia per gli utenti; spiace, lo
>> dico spassionatamente, che nello stesso giorno siano stati bruciati
>> per eventuali servizi di comunita' *abuse.it* e *blacklist.it*.
> beh, www.nic.it/NA/qualcosa non e` poi cosi` male, la cosa importante
> sono i contenuti!
>
> --
> Saluti,
> emilio brambilla
>
> PS:
> non me ne vogliano male i vari esperti di materie "legali" che tanto
> contributo stanno dando alla lista, ma questo thread agostano, popolato
> solo da tecnici che lavorano per cercare di migliorare Internet mi fa
> tornare un po' di nostalgia dei tempi passati quando ita-pe era una
> cosa diversa ;-)



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe