R: privacy ????

Alessandro Nosenzo nosenzo a IDEA.IT
Mar 27 Ago 2002 19:25:33 CEST


Scusa Raimondo il tuo messaggio e' un po' forte forse dovremmo
lasciar stare i gay (la parola da te usata ha un tono spregiativo che
non mi piace per nulla) che in questo mondo di donne che vogliono
fare i maschi e non ci riescono sono l'unica nota positiva anche se,
purtroppo, io non ne faccio parte.
A parte il resto credo che la correttezza stia nel buon senso ed
avere i piedi per terra.
Allo stato se una persona e' consapevole che tramite i propri servizi
si compiono reati puo' ed in alcuni casi deve cercare di segnalare il
fatto alle Autorita'.
Tuttavia retaggio del passato o insite caratteristiche rendono ai
piu' antipatico il fare la spia ed ancor di piu' antipatico il
ricorso alle Autorita' che per lo piu' non sono efficienti e manco
amichevoli.
A questo punto vige il buon principio inglese di farsi i fatti propri
e quindi per tornare in OT la casella abuse puo' esistere (oggi non
vi e' obbligo) e dietro a questa casella puo' esserci il cliente (che
fara' cio' che piu' gli piace) o un delegato del cliente per esempio
il provider o un professionista postmaster (quindi fatturato per gli
ISP).
Tanto un cliente che manda spam lo riconosci dai log dei server di
posta e non hai bisogno di leggere la casella abuse per capirlo,
inoltre se la rete utilizzata e' la tua le vittime intelligenti ti
scriveranno comuque avvisandoti.
Se poi accidentalmente si venisse a conoscenza di fatti privati o
addirittura di dati sensibili durante il proprio lavoro cio' non e'
certamente colpa del lavoratore e semmai l'unica censura potrebbe
essere mossa se chi riceve questi dati ne facesse un uso illecito.
Credo quindi che abbiate ragione tutti e' due (anzi tre) almeno fino
a quando non ci saranno norme diverse come quella paventata di tenere
copia dei messaggi email o peggio delle conversazioni telefoniche
(immaginate la quantita' di dati).
Comunque in questa ipotesi fantascientifica e da spiaggia io saro' un
ISP sfortunato che per cause indipendenti dalla propria volonta' e
nonostante tutti i sistemi di backup e protezione dei dati,
ciclicamente, direi quasi ogni mese, perdera' tutti i dati che avrei
dovuto memorizzare con grande disperazione del grande fratello e con
sollievo dei miei clienti che continueranno ad essere liberi di dire
cio' che gli passa per la mente senza rischio di santa inquisizione.
Saluti.

Alessandro Nosenzo


On 27 Aug 2002 at 18:44, Bruschi Raimondo wrote:
> At 17.53 27/08/2002 Tuesday +0200, you wrote:
> >       Qualcuno segnala lo spam ad
> >abuse a xyz.it perche' ha interpretato
> >come spam questa richiesta.
> sei un ipocrita !
> preferisco "DOVER SOCCOMBERE" nel rispettare 100 clienti froci, non
> ponendomi problemi morali nei loro confronti, piuttosto che
> fiancheggire 0,005 % di pedofilia con i miei servizi
> Visto che sbandieri i diritti della liberta' :
> se permetti rispetta la mia liberta' di decidere nell'esser
> consapevolmente veicolo di abusi e non indifferente untore.



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe