Risposta: Re: Nomi geografici riservati

Ettore Panella box a STARNET.IT
Mer 28 Ago 2002 18:44:39 CEST


Proprio per evitare i problemi citati le amministrazioni dello stato
saranno poste sotto il gov.it che per (saggia) decisione e volonta' del
governo saranno i soli domini che univocamente certificheranno la presenza
di un sito istituzionale.

saluti

>se invece il nome geografico fosse immediatamente riconducibile al
>comune, pur nella sua estensione generica e non riservata, sarebbe più
>"facile" desumere la mala fede, ma secondo me - proprio per la
>difficoltà (di assimilazione nome comune/marchio - sarebbe arduo
>ritenere verificato il presupposto ex art. 16.6 , comma 1, lett a) delle
>regole di Naming:
>
> a) il nome a dominio contestato sia identico o tale da indurre
> confusione rispetto ad un marchio su cui egli vanta diritti, o al
> proprio nome e cognome.
>
> Dalla lettura di questa norma, sembra che la Procedura di
> riassegnazione si fondi - tra gli altri - sul presupposto della
> confusione tra nome a dominio contestato e marchi o nome e cognome del
> ricorrente. Le ipotesi sembrano tassative.
>
> Ad una più attenta lettura (ed interpretazione) delle norme del
> Documento Procedura di riassegnazione, si legge però che il ricorrente
> deve specificare i motivi di reclamo ivi inclusi, in particolare:
>
> a) i motivi per cui il nome di dominio (o i nomi di dominio) sono
> identici o si possono confondere con un segno distintivo, un nome o un
> marchio rispetto al quale il ricorrente vanta diritti di esclusiva.
>
> La norma è redatta in via più generale, e non sembra contestabile che
> il riferimento generico al "nome" (laddove le regole di Naming
> specificano "nome e cognome", dunque riferendosi chiaramente solo alle
> persone fisiche), possa includere anche il nome di una località quando
> questo venga fatto oggetto di accaparramento da parte di soggetti privi
> dei relativi diritti.
>
> Dunque il comune xyz, ritengo, potrebbe attivare la procedura per il
> nome generico xyz.it, ma non sull'assunto dell'assimilazione nome
> comune/marchio (il chè è giuridicamente davvero opinabile), ma sulla
> base dell'articolo 3 del regolamento sopra citato, che menziona
> genericamente il "nome".
>
> Le difficoltà, secondo me sono altre, e cioè la dimostrazione del
> diritto del comune sul nome con estensione generica (che in via di
> logica sembra self-evident, ma giuridicamente non lo è). Tra l'altro,
> l'Ente territoriale pubblico comune ha, già nelle Regole di Naming, la
> riserva del nome geografico nella sua qualità di Amministrazione
> Pubblica.
>
> Tuttavia, sono dell'idea che l'utente semplice dell'Internet, quando
> cerca il sito di un comune, è portato d'istinto a digitare
> nomecomune.it. Intendo cioè dire che le estensioni geografiche
> riservate (spesso articolate e farraginose), secondo me tutelano di
> meno gli enti interessati, perché chi è meno pratico delle regole
> dell'Internet sarà portato a digitare la forma più semplice, e magari
> si imbatte in portali (tipo quello della Vaionline srl) dove è
> difficile capire che non si è sul sito del comune che si ricercava.
>
> E' pur vero, però, che se si aprisse la strada al riconoscimento dei
> diritti esclusivi dei comuni interessati anche alle estensioni
> generiche nomecomune.it, potrebbero in astratto venir meno, all'esito
> di contestazioni degli enti territoriali interessati (ovviamente
> fondate), iniziative interessanti portate avanti da soggeti privati
> (es: www.yesmilano.it, www.viviroma.it,  etc). E dunque, forse quella
> che sembra essere una lacuna normativa (mancata tutela in capo al
> comune dell'estensione generica del nome), alla fine non risulta essere
> tale.
>
>
> Un caro saluto a tutti.
>
>
>
> Avv. Alessandro del Ninno
> Studio Legale Tonucci
> Via Principessa Clotilde n. 7
> 00196 ROMA
> Tel +39 06 3622708
> Fax +39 06 3622750
> e-mail adelninno a tonucci.it
> http://www.tonucci.it
>
> Studio Legale Tonucci
> Rome - Milan - Prato - Padua - Paris
> New York - Tirana - Bucharest
> http://www.tonucci.it



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe