Risposta: Re: Nomi geografici riservati

Control C master a CHIARI.NET
Gio 29 Ago 2002 17:41:49 CEST


Daniele Vannozzi wrote:
>
> Il problema della presenza il rete della parte "non centrale" degli
> organismi dello stato e' una materia difficile che si trascina da anni,
> i maggiori problemi a mio avviso sono dovuti al fatto che ogni regione,
> provincia, comune, ecc ha una propria autonomia che rende non banale un
> coordinamento ed una definizione del naming da adottare almeno per il
> dominio "istituzionale" del comune.

Caro Daniele,

poiche' questo e' il punto cruciale: per la costruzione di simile
definizione puo' essere utile scavare alcune memorie gia' agitate nella
comunita ? ...

1. Esiste una ricca e ovvia tradizione di media a naming identificato
geograficamente: i due quotidiani della provincia dove abito titolano
[ma va?!] *Giornale di Brescia* e *Bresciaoggi*, una emittente regionale
leader *Telelombardia*, un' altra *Radio padania libera".
Non so, chiedo: Internet puzza?
E che dire del mio amico Marino Manuelli, editore del "Giornale di
Chiari" ... avra' mica violato un marchio ...
O deve stare attento a come parla del Sindaco, che' se no gli fa una
MAP... stamo attenti, stiamo attenti anche a questo - quando parliamo di
queste cose.

2. E che dire del mio amico Mario *Chiari*, allora, e di una sedimentata
assimilazione [non solo nelle genealogie ebraiche] di cognomi a
localita' ? ...

3. Se l' Italian Naming Authority ha riservato la sintassi
*comune.roma.it* ci sara' pure qualche motivo ...: mi chiedo se una
sentenza di privilegio al potere politico di *roma.it* sarebbe pura
giurisprudenza ovvero, come mi par di leggere in alcuni post, una
effettiva, clamorosa surroga degli E.C. a redigere di fatto vere e
proprie e magari antinomiche *Regole di Naming* [un poco come era
successo, a mio avviso, con il caso Mastercard]

In fine mi vien voglia, non so perche', di metter li' due o tre
innocenti citazioni ... perche' nel nome di giornale , sia pure
telematico, forse c'e' un pezzetto programmatico della propria liberta'
editoriale ...

4. "Ogni individuo ha il diritto alla libertÓ di opinione e di
espressione, incluso il diritto di non essere molestato per la propria
opinione e quello di cercare, ricevere e diffondere informazioni e idee
attraverso ogni mezzo e senza riguardo a frontiere"
(Art. 19 della Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo)

"Tutti hanno il diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero
con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione"
(Art. 21 della Costituzione Italiana)

> Credo che anche i gestori di gov.it dovranno confrontarsi con i problemi
> sopra citati prima di mettersi al lavoro per assegnare i domini
> "certificati". Se ci riusciranno daranno un importante contributo in
> termini di "chiarezza" per l'utenza.

Anche io a titolo personale: i gestori di *gov.it* dovrebbero mostrare
piena confidenza nelle istituzioni, negli uffici, nel know how - e negli
uomini - della rete, e della sua storia ...

ciao,
Giorgio



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe